«Gravissimo che la Regione lasci le aziende Bio senza fondi Ue»

Secondo il deputato M5S Parentela la vicenda «conferma la gestione improvvisata da parte di Oliverio, che promette, giura e dopo non fa»

CATANZARO «È gravissimo che la Regione Calabria non abbia ancora pubblicato bandi per il settore Bio, lasciando le aziende interessate senza fondi europei». Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Paolo Parentela, capogruppo della commissione Agricoltura. «Per il Bio, il governo regionale guidato da Mario Oliverio – aggiunge lo stesso deputato – aveva manifestato propositi straordinari. Come sempre, però, poi non è successo nulla, se non l’abbandono degli imprenditori agricoli che operano in questo campo, i quali non riceveranno gli aiuti previsti». «La Regione – ricorda il parlamentare 5stelle – si è vantata di essere tra quelle con la più alta percentuale di spesa, nel Programma di sviluppo rurale, destinata ad agevolare le imprese Bio. Gli imprenditori si chiedono, giustamente, che cosa dovranno aspettarsi, se una modifica alla programmazione nell’ambito dello stesso Programma, in modo da stanziare esigue risorse sulla misura Bio, oppure una semplice stretta di spalle. Il governatore Oliverio – prosegue il parlamentare – si pronunciò a sostegno delle aziende agricole e delle loro produzioni, ritenendo il settore agroalimentare trainante nella nostra regione. Le parole non servono, se non sono accompagnate dai fatti». «La vicenda – conclude Parentela – della mancata pubblicazione di bandi regionali sul biologico, su cui esiste, peraltro, la legge nazionale, di cui sono firmatario, conferma la gestione improvvisata da parte di Oliverio, che promette, giura e dopo non fa. In merito alle necessità degli imprenditori del biologico, gli chiedo di attivarsi al fine di rimediare al più presto, ma non alla carlona».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto