“Compagnia dello stocco”, Romeo: «La storia ci darà ragione»

Il periodo della pacificazione per il Pd calabrese sembra ancora lontano. Il capogruppo dopo il retroscena del Corriere della Calabria: «Smettiamola di vivere ogni competizione con l’ansia da prestazione nei confronti di Oliverio»

Di seguito pubblichiamo la nota di Sebi Romeo, capogruppo del Pd in consiglio regionale.
Colgo l’occasione dell’articolo “Europee, Oliverio e la compagnia dello stocco contro Zingaretti”, per chiarire alcuni aspetti su cui, ben individuati settori del Partito democratico calabrese, a quanto pare, cercano di giocare nel tentativo di creare tensione, guarda caso nel giorno in cui la Magistratura scolpisce la figura cristallina di Mario Oliverio con la pubblicazione delle motivazioni sull’indagine “Lande desolate”. Vano sarà ogni sforzo, se ne facciano una ragione. Cosi come abbiamo sempre fatto, con responsabilità, fin dal deposito delle candidature, siamo impegnati in una difficile campagna elettorale a favore del nostro partito, il Partito democratico, e ci stiamo spendendo senza risparmiarci, soprattutto in questi ultimi giorni che ci separano dal voto. Chi era presente alla cena di Cittanova, ma non solo, sa benissimo che i nomi dei due candidati calabresi, Lucia Nucera e Franco Iacucci, sono chiaramente indicati sui fac simile e sa, ancora meglio, che la nostra richiesta è quella di sostenerli in maniera convinta e decisa. Le posizioni e l’impegno generoso di Mario Oliverio, così come di tanti militanti e dirigenti democratici, d’altronde, sono note, disinteressate e pubbliche, in sintonia con il segretario Nicola Zingaretti, per scelta e per coerenza, così come lo stesso sa bene. Con umiltà, mi permetto di suggerire un più intenso impegno sullo svolgimento della campagna elettorale a favore del Partito democratico, per i candidati calabresi e per gli altri candidati che si riterrà opportuno sostenere, smettendola di vivere ogni competizione con l’ansia da prestazione nei confronti di Oliverio, pratica ad oggi risultata sempre sfortunata ed inutile.
Verrà dopo la stagione dei congressi e delle Regionali, personalmente la affronterò con l’idea di sempre, decideranno i calabresi, liberamente, con buona pace di mistificatori, suggeritori e orchestranti di ogni ordine e grado. La storia ci darà ragione…
Sebi Romeo


Accogliamo volentieri la riflessione di Sebi Romeo e non possiamo fare a meno di notare che il periodo della pacificazione, per il Pd calabrese, sembra ancora ben lungi dall’arrivare. Quanto ai contenuti dell’articolo da cui prende le mosse Romeo, ribadiamo quanto già scritto. Tra l’altro, il fac-simile diffuso dalla corrente di Oliverio, in nostro possesso (abbiamo deciso di non pubblicarlo in campagna elettorale), riporta i nomi di soli due candidati: Cozzolino e Nucera. (pbel)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto