City logistics, seminario in Regione con Russo e Thompson

Il docente di Melbourne è uno dei massimi esperti di mobilità urbana sostenibile. Ammessi a finanziamento i Comuni di Reggio, Rende e Vibo

CATANZARO Il vicepresidente della giunta regionale Francesco Russo, durante il Seminario “Una logistica urbana sostenibile. Più vivibilità e servizi nei comuni calabresi”, che si è svolto nella Cittadella regionale, ha presentato le azioni programmate e attuate in materia di City logistics, sottolineando «l’attenzione del Governo regionale» verso la vivibilità e la sostenibilità dei centri urbani. Russo ha evidenziato come «l’obiettivo di una logistica urbana sostenibile è in linea con le migliori indicazioni a scala europea e mondiale; a scala europea il riferimento è il Libro Bianco dei trasporti del 2011 in cui è indicato di conseguire nelle principali città un sistema di logistica urbana a zero emissioni di CO2 entro il 2030».
«L’impegno della Regione – ha aggiunto – è coerente con la nuova programmazione europea 2021-2027 ed ai 5 obiettivi generali di policy, in particolare agli obiettivi Europa più intelligente, Europa più verde e con basse emissioni di carbonio. A scala mondiale il riferimento è Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, sottoscritta nel 2015 dai 193 Paesi membri dell’Onu, che ingloba 17 obiettivi e 169 target per lo sviluppo sostenibile”. L’impegno della Regione va, quindi, nella direzione di ridurre entro il 2030 l’impatto ambientale negativo dovuto al trasporto delle merci, per innalzare il livello di vivibilità, tutelare la salute della collettività e migliorare l’accessibilità delle aree urbane, sviluppando i centri commerciali naturali che sono i centri urbani».
La stipula delle convenzioni con i Comuni risultati ammessi ai finanziamenti, di cui alla Manifestazione di interesse per la concessione di contributi per la logistica urbana, fa partire dunque la fase di progettazione esecutiva e di realizzazione degli interventi che divengono di riferimento per le altre città calabresi e per eventuali ulteriori programmi di finanziamento della Regione. Nella prima parte del Seminario è intervenuto il professor Thompson, di Melbourne, uno dei massimi esperti in materia di mobilità urbana sostenibile che, nel suo tutorial, ha illustrato i recenti sviluppi scientifici in materia di logistica urbana, anche in riferimento all’impiego di tecnologie innovative.
Thomson ha parlato della pianificazione e della gestione delle misure di logistica urbana ed ha illustrato alcune metodologie per la valutazione di queste in termini di benefici economici, sociali e ambientali. A seguire il vicepresidente Russo ha parlato di come la City logistics possa «portare al raggiungimento dei Target di sostenibilità internazionali in Calabria, ponendo le sue città nelle prime posizioni europee per vivibilità e sostenibilità». Il professor Vitetta, dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, ha invece illustrato il problema del progetto dei percorsi per la distribuzione delle merci in ambito urbano, ricollegandosi direttamente alle modelizzazioni presentate da Thompson.
I temi trattati hanno riguardato i metodi di ottimizzazione consolidati in ambito scientifico per il progetto dei servizi, per la stima degli indicatori per la verifica ex-ante relativa al raggiungimento dei target di sostenibilità. Una parte dell’intervento è stato rivolto all’uso di veicoli stradali a basso impatto ambientale (ibridi ed elettrici) considerando l’intera catena energetica (W-W, Well to Wheels): dal bene (Well) utilizzato per produrre l’energia fino all’utilizzo della stessa per far muovere il veicolo (Wheels). Il professore Rindone, dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, ha richiamato le caratteristiche principali di una smart city. Trasporti, energia e tecnologie per l’informazione e la comunicazione costituiscono i pilastri su cui si fonda una città europea intelligente.
«A tal fine – si legge in una nota della Regione – occorre una pianificazione integrata delle tre componenti finalizzata al raggiungimento della sostenibilità ed all’innalzamento dei livelli di qualità della cita dei cittadini. Occorre un approccio collaborativo tra Università, Pubblica amministrazione e imprese per far convergere le teorie scientifiche, le regole e le implementazioni reali. Sono state presentate alcune applicazioni in contesti reali per affrontare il problema della distribuzione delle merci in ambito urbano».
Il professore Musolino, dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, ha presentato un metodo emergente nella letteratura scientifica per la stima delle variabili di traffico in ambito urbano, a supporto della pianificazione della mobilità urbana delle merci. Nell’alveo dei tre criteri di sostenibilità (economico, sociale e ambientale), numerosi indicatori quantitativi per la verifica ex-ante fanno riferimento ai tempi di viaggio degli autoveicoli su rete stradale. I metodi tradizionali di stima sono basati sull’analisi disaggregata a livello di arco delle variabili di traffico (diagramma fondamentale di arco). Il metodo presentato si basa sull’analisi aggregata a livello di rete delle variabili di traffico (diagramma fondamentale di rete), consentendo lo sviluppo di algoritmi ed architetture meno complessi a supporto della pianificazione, gestione e controllo della mobilità urbana.
Nella seconda parte del Seminario il dirigente regionale Iiritano ha ripercorso tutto il processo di attuazione della City logistics, dalla pianificazione con il Piano regionale dei Trasporti, alla programmazione con la Dgr 391/2017, con cui è stato approvato il Programma di attuazione, e fino all’esecuzione con la pubblicazione della Manifestazione di interesse e della graduatoria di merito. L’ingegnere Trecozzi ha specificato i contenuti dell’Avviso, le modalità di partecipazione e i criteri di valutazione dei progetti. Al seminario hanno preso parte i rappresentanti dei Comuni cui sono assegnate le risorse. L’ingegnere Benestare ha illustrato il progetto Reggio City Log, l’ingegnere Azzato il progetto Rende City Port e il dottore Nesci il progetto Vibo Valentia City Log.
«I tre progetti – conclude la Regione – si caratterizzano tutti per la presenza di varchi controllati con sistemi di videosorveglianza e di flotte di veicoli merci a basso impatto ambientale, tra i quali anche i veicoli elettrici, con attenzione alle piazzole di sosta riservata, spesso richiesta dai trasportatori e dei negozianti per migliorare i tempi e la facilità nelle consegne, attenzione è stata data anche all’incremento di sicurezza che i sistemi di videosorveglianza possono dare. I tre progetti sono in linea con i migliori target proposti dall’Italia e dall’Europa».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto