Si dimette il reggente dell’Asp di Cosenza. Guccione: «Sanità allo sbando»

L’allarme del consigliere regionale: «A oggi solo due commissari su nove aziende hanno accettato l’incarico e firmato i contratti all’Ao di Cosenza e Catanzaro»

COSENZA «Le dimissioni del reggente dell’Asp di Cosenza, Sergio Diego, dimostrano che la sanità in Calabria è ormai allo sbando. Ha addirittura rassegnato l’incarico, lasciando senza alcun governo la più grande Asp della Calabria, già da mesi senza una guida e con un manager che garantiva a malapena l’ordinaria amministrazione». È quanto afferma in una nota il consigliere regionale Carlo Guccione, che aggiunge: «Una situazione insostenibile per i cittadini alla ricerca di cure. L’azienda sanitaria provinciale è tra le più grandi d’Italia per estensione geografica e complessità orografica, con oltre 750mila abitanti e un bilancio di oltre un miliardo di euro che serve a gestire l’assistenza territoriale, tre ospedali Spoke in cui lavorano quasi seimila dipendenti che hanno un’età media di circa 55 anni».
Ma nel caos, secondo Guccione, è tutta la regione. «A oggi solo due commissari su nove aziende hanno accettato l’incarico e firmato i contratti all’Azienda ospedaliera di Cosenza e in quella di Catanzaro. La misura è colma. Il Governo nazionale – conclude il consigliere regionale – ha gettato la sanità calabrese in un punto di non ritorno, la situazione è ormai di una grande emergenza, non è più garantito il diritto costituzionale alla salute».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto