Tritolo, armi e droga nel market dell’illecito scoperto a Reggio: due arresti – VIDEO

La scoperta della Guardia di finanza in un garage del rione Gebbione: oltre al materiale esplosivo, a una pistola e a svariate munizioni trovati anche 4 kg di hashish e 400 grammi di marijuana

REGGIO CALABRIA Esplosivo, armi e droga sequestrati e due persone arrestate. E’ l’esito di un’operazione dei militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, nel corso di una ordinaria attività di controllo economico-finanziario del territorio. In particolare, i finanzieri hanno proceduto al sequestro di 200 grammi di tritolo, con annesso detonatore a fuoco e miccia, che, se assemblati correttamente, avrebbero potuto essere utilizzati per la realizzazione di un ordigno cosiddetto “Ied” (“Improvised Explosive Device”), di una pistola con matricola abrasa unitamente a svariate cartucce e di 2 coltelli, e all’arresto in flagranza di reato di due reggini, G.P. (43 anni) e M.S. (45). Durante la stessa operazione, i finanzieri della Compagnia di Reggio Calabria hanno inoltre scoperto e sottoposto a sequestro oltre 4,1 chili di hashish, circa 400 grammi di marijuana, e 4.500 euro in contanti.
I militari della Guardia di Finanza, nel corso di un’attività di controllo nel rione Gebbione di Reggio Calabria nei confronti di un soggetto sospettato di minuto spaccio di stupefacenti, hanno notato come l’uomo, immediatamente dopo aver ricevuto un plico, all’avvicinarsi dei finanzieri, si liberava del pacchetto appena cedutogli. Verificata la natura della sostanza e il relativo peso – pari a circa 100 grammi di marijuana – i militari l’hanno quindi fermato e poi tratto in arresto. Nel frattempo un’altra pattuglia si era concentrata sul soggetto cedente, ancora ignaro del controllo già avviato, che si è avvicinato a un garage, insospettendo i finanzieri, che sono entrati nel locale individuando un vero e proprio market dell’illecito. Venivano infatti rinvenuti circa 200 grammi di tritolo con annesso detonatore a fuoco perfettamente integro e adatto all’uso e miccia di fabbricazione cinese, una pistola calibro 7×65 mm con matricola abrasa e con relativo munizionamento (41 proiettili 38 special, 37 proiettili cal. 7×65 mm browning, 2 caricatori e 4 cartucce calibro 12 magnum caricate artigianalmente), 2 coltelli, oltre 4 kg di hashish, circa 400 grammi di marijuana, e 4.500 euro in contanti, nonché diverso materiale e strumentazione per il confezionamento dello stupefacente, conseguentemente sottoposti a sequestro. Al termine delle operazioni, i due sono stati arrestati in flagranza di reato: uno è finito agli arresti domiciliari, l’altro al carcere di Arghillà.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto