Furti e rapine in Puglia, Basilicata e Calabria: sgominata banda di georgiani

La gang agiva di notte. Sempre uguale il modus operandi: lasciavano sotto le porte degli appartamenti dei pezzetti di plastica fluorescenti. Se nessuno li spostava, i ladri procedevano allo scasso

ANDRIA Quattro arresti sono stati compiuti dai Carabinieri di Andria, con i colleghi del Comando provinciale di Potenza, ritenendo di aver sgominato un gruppo georgiano specializzato in furti in casa e ricettazione, definito “banda della compieta” perché agiva di notte. I fermi chiesti dalla Procura di Trani sono stati convalidati dal Gip e i 4 pregiudicati georgiani (A. R. 39enne, D. L. 37enne, B. Z. 45enne e D. N. 39enne) sono stati portati in carcere a Trani. Le indagini sono cominciate in gennaio, dopo alcuni colpi in appartamenti di Minervino Murge e Spinazzola, due comuni della provincia Bat, ma la banda è accusata anche di altri furti di luglio e agosto anche in provincia di Bari, a Potenza e in Calabria, con identico “modus operandi”: nei sopralluoghi sugli obiettivi, lasciava sotto le porte degli appartamenti presi di mira dei pezzetti di plastica fluorescenti che, se non risultavano spostati nei giorni successivi, davano il via libera allo scasso. Poi il colpo, tra l’una e mezza e le due di notte. Le indagini dei Carabinieri hanno attribuito i colpi ai 4 georgiani e il 18 agosto sono scattati i fermi, su disposizioni del pm Giuseppe Aiello di Trani che ha coordinato le indagini. Alle prime luci dell’alba hanno bloccato a Potenza un’auto con a bordo B. Z. e D .N., considerati pronti a entrare in azione, mentre A. R. e D. L. venivano bloccati vicino casa a Bari, giudicati in partenza per raggiungere i due sodali in Basilicata. La perquisizione ha portato al recupero di refurtiva (monili in oro, orologi e valuta estera) per un valore complessivo di circa 10mila euro. Rinvenuti anche un estrattore di cilindretti per serrature di porte di abitazione, due piastrine metalliche a forma di serratura, una lima, chiavi blindate, cellulari di vecchia generazione e un iPhone 5.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto