Asp Catanzaro, i 5 Stelle a Conte e Lamorgese: «Chiarite se Bagnato è massone»

Interrogazione dei parlamentari pentastellati Parentela, D’Ippolito, Sapia e Granato, che chiedono lumi sulla figura di uno dei commissari nominati alla guida dell’azienda sanitaria dopo lo scioglimento

«È necessario e urgente chiarire se il prefetto a riposo Domenico Bagnato, componente della commissione straordinaria dell’Asp di Catanzaro, nominata a seguito del suo scioglimento per infiltrazioni mafiose, sia iscritto a logge massoniche o ne abbia fatto parte». Lo affermano i deputati M5S Paolo Parentela, Giuseppe d’Ippolito e Francesco Sapia, insieme alla senatrice pentastellata Bianca Laura Granato. I quattro parlamentari del Movimento 5 Stelle hanno presentato una specifica interrogazione al ministro dell’Interno e al presidente del Consiglio, chiedendone la sostituzione «se – sostengono – trovasse riscontro obiettivo l’ipotesi di appartenenza massonica di Bagnato, avanzata nei giorni scorsi dal Codacons». «Sarebbe gravissimo – sottolineano i 5 Stelle – se ci fosse un massone alla guida di un’azienda sanitaria commissariata per ‘ndrangheta e con risaputi problemi di legalità e notorie incrostazioni di potere. Pertanto nello specifico si impone una verifica rapida e puntuale, ci auguriamo al fine di escludere, nel più breve tempo possibile, l’eventualità prospettata dalla predetta associazione di tutela dei consumatori». «La gestione dei servizi sanitari – concludono i parlamentari 5 Stelle – va preservata da ogni possibile influenza esterna, soprattutto in casi, come quello dell’Asp di Catanzaro, di commissariamento per ingerenze e affari criminali».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto