Lega, finale da fiction: spunta il nome di Cataldo Calabretta

Il nome dell’avvocato e docente universitario (agente di Elisa Isoardi) si sta facendo largo in queste ore all’interno del “Carroccio”. Metterebbe d’accordo le diverse anime del partito, ma l’ultima parola spetta a Matteo Salvini

CATANZARO L’identikit sembrerebbe essere (per l’ennesima volta ndr) presto tracciato. Cataldo Calabretta è il nome che il commissario calabrese della Lega, Cristian Invernizzi, potrebbe proporre al leader Matteo Salvini. Calabrese puro sangue (nato a Cirò Marina ndr), professionista affermato (è un avvocato ndr), mai impegnato in politica (quindi senza una verginità da costruire ndr). Ci sarebbe di più. Cataldo Calabretta metterebbe d’accordo i due fronti del “Carroccio” calabrese, almeno quelli più consistenti. Per l’avvocato di Cirò Marina, potrebbero dare bene placito sia il deputato Domenico Furgiuele che il prossimo eurodeputato Vincenzo Sofo. E Invernizzi? Finalmente riuscirebbe a mettere fine dietro alla querelle che si è aperta nel centro destra una volta che il triumvirato Berlusconi, Salvini e Meloni si è determinato nell’assegnare la candidatura per lo scranno a presidente a Forza Italia.

L’UOMO DEL JET SET Ma c’è di più. Cataldo Calabretta, dalla terra del vino in provincia di Crotone è arrivato a Roma per «bucare lo schermo». Ha la grande passione per la tv e prima di conquistare un posto come ospite fisso in diverse trasmissioni diventa docente di diritto dell’informazione. Negli studi tv è a suo agio e oltre alle conduzioni televisive, ha messo in piedi una serie di rapporti con le stelle del jet set italiano, su tutte il rapporto con Elisa Isoardi di cui è addirittura avvocato e agente. L’uomo di fiducia dell’ex fidanzata per la conquista dello scranno da governatore? Così sembrerebbero riferire fonti leghiste. Salvini conosce molto bene Calabretta, entrambi, spesso sono finiti sulle riviste patinate quando l’amore con la conduttrice de “La prova del cuoco” era intaccabile. Su Calabretta i frontisti calabresi della Lega, potrebbero anche essere d’accordo, ma chissà che a far saltare il banco non ci pensi Francesca Verdini. (redazione@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto