Bocciati i resoconti di Arsac, Aterp e Calabria Lavoro. E sul Corap indaga la Procura

La commissione Bilancio ha invece approvato i documenti finanziari dell’Arpacal e dei Parchi marini

REGGIO CALABRIA La seconda Commissione del consiglio regionale, “Bilancio, programmazione economica e attività produttive, affari Ue e relazioni con l’estero” presieduta da Giuseppe Aieta, ha approvato il Rendiconto dell’esercizio 2018 dell’Arpacal, l’Agenzia per la protezione dell’ambiente. La Commissione, di seguito, ha altresì approvato il Rendiconto 2018 dell’Ente regionale per i Parchi marini e ha espresso parere finanziario positivo sulla proposta di legge n.428/2010 per la continuità delle attività sulle aree del demanio marittimo.
La Commissione ha invece bocciato il Rendiconto finanziario 2018 dell’Arsac (Azienda regionale per lo sviluppo dell’Agricoltura), il Rendiconto 2018 dell’Aterp (Agenzia per l’edilizia residenziale pubblica) e il Rendiconto 2018 dell’Azienda Calabria Lavoro.
La seduta congiunta della Prima e della seconda Commissione per esaminare alcune proposte di legge sul Corap di iniziativa di vari consiglieri non si è tenuta per mancanza del numero legale. I presidenti Franco Sergio (Prima Commissione) e Michele Mirabello (Seconda Commissione) hanno diramato una nuova convocazione per domattina alle 11. Intanto (come abbiamo scritto qui) davanti a Palazzo Campanella i lavoratori del Corap in sit in sono pronti alla mobilitazione anche per domani. E il revisore unico del Consorzio in default, audito nella riunione congiunta delle Commissioni Vigilanza e Antindrangheta, ha riferito di essere già stato sentito più volte in Procura a Catanzaro. Una conferma del fatto, anticipato già nel corso dell’ultima seduta di consiglio regionale, che la magistratura del capoluogo sta indagando sulla crisi del Corap.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto