Le bacchettate della Corte dei Conti sul bilancio della Regione

Giudizio di parifica del Rendiconto 2018: la magistratura contabile mette in fila le criticità su gestione dei crediti e dei debiti verso i Comuni, spesa sanitaria, costi del personale degli enti sub regionali e tempestività dei pagamenti. Censurata la “patologia” dei pignoramenti

di Antonio Cantisani
CATANZARO Disavanzo nella sanità, ritardo nei pagamenti, incertezza nel rapporto di credito e debito con i Comuni, bassissima riscossione delle tariffe per i rifiuti e il servizio idrico, consistenti pignoramenti, la sottostima del fondo crediti di dubbia esigibilità e del fondo rischi, eccessiva spesa del personale negli enti sub regionali. Sono queste alcune delle criticità evidenziate dalla sezione di controllo della Corte dei Conti nel giudizio di parifica del Rendiconto generale della Regione Calabria per il 2018, giudizio in corso nella sede regionale della magistratura contabile a Catanzaro, alla presenza, tra gli altri, del presidente della Giunta regionale, Mario Oliverio. Nelle relazioni della sezione di controllo della Corte dei Conti, elaborate dal presidente Vincenzo Lo Presti e dal referendario Stefania Anna Dorigo, in primo luogo si evidenzia «un’evidente difficoltà nella riscossione delle entrate tributarie ed extratributarie che nel tempo ha determinato la formazione di ingenti residui attivi, cioè crediti non riscossi, che oggi risultano spesso non più riscuotibili: tale difficoltà di riscossione ha come conseguenza la riduzione della liquidità di cassa e ciò impedisce e di fare fronte con la dovuta tempestività ai pagamenti. Il ritardo nei pagamenti – rimarca la Corte dei Conti – oltre a ledere l’immagine di affidabilità dell’ente genera ingenti costi». Nella relazione per la parifica poi la Corte dei Conti evidenza che «il risultato di amministrazione conseguito dalla Regione nel 2018 è pari a 1,158 miliardi: tenuto conto delle quote che per legge devono essere vincolate e accantonate, la “parte disponibile” è pari a -89 milioni». Secondo la magistratura contabile, il saldo di cassa della Regione nel 2018 è «sostanzialmente negativo» per circa 37,5 milioni, mentre a fine 2017 era positivo per circa 47,5 milioni. Inoltre – si legge nelle relazioni – «il fondo cassa è gravato da consistenti pignoramenti che ammontano a circa 111 milioni su un totale di circa 428 milioni»: per la sezione di controllo della Corte dei Conti «tutto ciò indica che la cassa regionale non è cospicua come appare», con «un quarto delle risorse liquide non disponibili perché pignorate», e con la considerazione che «una simile quota di pignoramenti rappresenta un’anomalia nel panorama nazionale, infatti oltre alla Calabria solo la Campania e il Lazio evidenziano quote talmente alte da rasentare un fenomeno di grave patologia». Per quanto riguarda l’analisi dei crediti e della reale sussistenza delle partite creditorie, la Corte dei Conti ha appurato che «i residui attivi ammontano a 4,235 miliardi», ma «le riscossioni di tali partite sono state esigue e nel 2018». E poi – si legge ancora nelle relazioni della sezione di controllo della magistratura contabile – «la Regione vanta crediti per il servizio di conferimento dei rifiuti per circa 47 milioni verso i Comuni in dissesto, parimenti i crediti per fornitura idropotabile sempre verso Comuni in dissesto sono pari a circa 64 milioni: sono crediti evidentemente di incerto recupero nella loro integralità, inoltre sono stati individuati altri residui per i quali la Regione non è stata in grado di esibire la documentazione dimostrativa dell’effettiva sussistenza del credito sotteso al residuo». La Corte dei Conti si è poi soffermata sul crediti e debiti dell’amministrazione regionale verso i Comuni capoluoghi di provincia, spiegando che «da questa analisi sono emersi evidenti discrasie tra i crediti riportati nelle scritture contabili regionali e i corrispondenti debiti riportati nelle scritture contabili dei Comuni»: secondo i giudici contabili, «l’assenza di impegni nelle scritture contabili del Comune debitore rende incerta l’escussione del credito per la Regione». Sotto questo aspetto, la Corte dei Conti ricorda che «il fondo crediti di dubbia esigibilità è lo strumento deputato a coprire i rischi di mancata riscossione delle entrate: al 31 dicembre 2018 la Regione lo ha quantificato in 294,9 milioni, tuttavia il calcolo di tale saldo non include tutti questi crediti, come i residui per il servizio dei rifiuti e la fornitura idropotabile, per la quale le riscossioni annuali ammontano solo all’1,4% dei crediti, e questa mancata inclusione rende il fondo crediti dubbia esigibilità sottostimato e fa apparire la ‘parte disponibile’ del risultato di amministrazione maggiore di quella reale». Quanto al Fondi rischi, destinato – rammenta la Corte dei Conti – a dare «copertura al rischio connesso al contenzioso e passività potenziali», nell’esercizio 2018 «la Regione l’ha stimato in 67,2 milioni, ma si è potuto appurare che la Regione utilizza per la copertura delle spese legali e dei debiti fuori bilancio una molteplicità di capitoli di spesa, e chiaramente anche la sottostima del fondo rischi fa apparire la “parte disponibile” del risultato di amministrazione maggiore di quella reale». Sotto la lente della magistratura contabile calabrese inoltre anche i processi di spesa della Regione Calabria nell’esercizio 2018: sotto questo aspetto, la sezione di controllo della magistratura contabile ha accertato che «per quanto attiene alla spesa del personale, la vera consistenza di questa voce di costo non è da ricondurre direttamente alla dotazione organica della Regione quanto ai “costi indiretti” del personale degli enti sub-regionali, infatti a fine 2018 l’organico dei dipendenti regionali è pari a 3.214 unità per una spesa complessiva di 117,4 milioni, i costi del personale della galassia degli enti partecipati e strumentali è stato invece di 287,1 milioni». Quanto alla spesa sanitaria, secondo la sezione di controllo della Corte dei Conti questa «presenta nel 2018 impegni per 3,771 miliardi e ha assorbito oltre il 78% delle risorse di parte corrente, come risulta dai verbali pubblicati dal Tavolo tecnico e dal Comitato Lea il ripiano del disavanzo pregresso sta subendo evidenti defaillances: infatti a fine 2018 la Regione Calabria presenta un disavanzo di 213 milioni», fissato a 105,9 milioni dopo il conferimento delle coperture. Infine, un passaggio della relazione la sezione di controllo della Corte dei Conti lo pone anche sulla gestione dei fondi comunitari da parte della Regione Calabria, evidenziando che «le spese supportate dal Por Calabria 2014-2020 sembrano tenere un ritmo serrato, a livello complessivo il Programma registra impegni per oltre 800 milioni (37%) e pagamenti per 461 milioni (19%)», ma restano «criticità circa la realizzazione di progetti già contemplati dal Por 20007-2013». Il giudizio di parifica è proseguito con la relazione del procuratore regionale della Corte dei Conti, Rossella Scerbo, che al termine della sua relazione ha chiesto alla sezione di controllo di «parificare il Rendiconto della Regione Calabria per l’esercizio finanziario 2018 nelle componenti del conto finanziario e del conto del patrimonio, con l’eccezione dell’accantonamento iscritto nel fondo crediti di dubbia esigibilità, che dovrà essere incrementato in misura adeguata relativamente ai residui attivi iscritti in corrispondenza dei crediti attinenti alla gestione dei rifiuti e del servizio idrico». (redazione@corrierecal.it)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto