Renzi sbatte la porta in faccia a Oliverio: «Con lui nessun dialogo»

L’ex premier conferma che “Italia Viva” non si presenterà alle Regionali in Calabria, ma aggiunge: «Vedremo il quadro e decideremo le formule della nostra partecipazione». L’errore più grande? «Al Sud abbiamo rottamato troppo poco»

«Troppo presto», non c’è abbastanza tempo per presentarsi alle Regionali in Calabria. Parola di Matteo Renzi, che però lascia aperto uno spiraglio: «Vedremo il quadro e decideremo le formule della nostra partecipazione». L’ex premier parla delle prossime elezioni regionali, del governo e ovviamente della sua neonata creatura politica in un’intervista alla Gazzetta del Sud. Il leader di “Italia Viva” sembra guardare con interesse più alla Sicilia che alla Calabria, ma è solo perché sull’altra sponda dello Stretto si voterà nel 2022. Il messaggio per il governatore siciliano Nello Musumeci è quindi chiaro: «Se lavoreremo bene insieme come abbiamo iniziato a fare, con un minimo di tempo, saremo noi a esprimere la classe dirigente per la guida della Regione, al posto di Musumeci». Per il “collega” calabrese Mario Oliverio il giudizio è ancora più netto, come lo è la risposta alla domanda sulla possibilità di aprire un dialogo tra i renziani e il presidente della Regione Calabria, in particolare dopo la rottura con il Pd che gli ha negato la ricandidatura: «No. Il nostro obiettivo – taglia corto Renzi – è un forte rinnovamento. Anche in Calabria, soprattutto in Calabria». Con una consapevolezza sempre più marcata: «Continuo a pensare che il mio errore più grande, al Sud, non sia stata la rottamazione, ma aver rottamato troppo poco».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto