Dai “Balconi” alle “Sardine”, ecco il movimento anti-Salvini in Calabria

Anche nella nostra regione il nuovo fronte “ittico” anti-Salvini prova a organizzarsi. E arriva l’endorsement di Jasmine Cristallo, creatrice degli striscioni di Catanzaro e Soverato

REGGIO CALABRIA È la nuova ondata del movimentismo di sinistra, l’opposizione silenziosa a Salvini (nonostante l’ex ministro dell’Interno sia anch’egli, al momento, lontano dal governo). Nato a Bologna qualche giorno fa dall’idea di quattro trentenni, il movimento delle Sardine – chiamato così nella speranza che a Piazza Maggiore il 14 novembre si sarebbe stati molto stretti, come poi avvenuto – sta esplodendo in tutta Italia, compattando un fronte civista di variegata natura politica. Dai comunisti ai democristiani, tutti uniti (per ora) in nome di antifascismo e antirazzismo.
SARDINE CALABRE Anche in Calabria, seppur con qualche giorno di ritardo, il nuovo fronte “ittico” sta provando a organizzarsi. Lanciato ieri pomeriggio, il gruppo Facebook conta già oltre 2700 membri. Com’è normale in un movimento trasversale e nascente, il neonato movimento sta cercando innanzitutto di darsi un’identità ideologica, mantenendo fermi i capisaldi della «resistenza alle politiche reazionarie».
IN CERCA D’IDENTITÀ «Leggiamo molti post su chi e perché possa o debba far parte delle “sardine” con richiami ad appartenenza partitica – scrive su Facebook l’attivista reggino Filippo Sorgonà, già volto storico di molti movimenti civici di sinistra – Ci sembrano fuorvianti questi argomenti perché essere “contro” Salvini equivale ad essere contro le politiche manipolatrici reazionarie e nazionaliste che si nutrono della paura e delle incertezze della gente comune colmando un vuoto culturale e politico che è veramente il problema serio internazionale di questo momento storico». «Ecco perché essere “sardina” – prosegue l’attivista – non è solo un atto di resistenza oppositiva ma anche e soprattutto un’autodeterminazione per i diritti inalienabili, la libertà, la giustizia sociale e la stessa umanità. Se siamo qui, da qualsiasi percorso si provenga, è auto evidente che sentiamo messi in discussione i valori costituenti di qualsiasi comunità civile». «Ci stiamo confrontando con gli amici con cui abbiamo lanciato il gruppo per individuare tempi e forme efficaci per creare degli appuntamenti regionali nelle varie città – ha ulteriormente annunciato Sorgonà – e, volendoci confrontare anche con rete nazionale, vi chiediamo un pochino di pazienza con l’impegno che non attenderemo che scemi questa energia ma, semplicemente, cercheremo di concentrarla e moltiplicarla». Nel frattempo, il neonato movimento Sardinista calabrese tenta di organizzarsi per iniziative sul territorio: una possibile data per una manifestazione regionale è quella del 30 novembre a Reggio.
BALCONI E STRISCIONI Partì però proprio dalla Calabria, in occasione della campagna elettorale per le Europee, la contestazione al leader della Lega, Matteo Salvini e Jasmine Cristallo, 38 anni, ne fu la principale protagonista. Azioni di protesta accolsero l’allora ministro e vicepremier a Catanzaro e Soverato, con striscioni di dissenso appesi ai balconi dei palazzi che si affacciavano sulle piazze in cui il capo della Lega teneva i suoi comizi. Davanti al movimento delle Sardine nato in questi giorni in Emilia Romagna, anche i calabresi hanno reagito con attenzione e curiosità. «In questi giorni – racconta Cristallo – il mio telefono non ha mai smesso di squillare. C’è tanta gente pronta a scendere nelle piazze – continua – ma le sardine calabresi o acciughe catanzaresi non possono solo andare in piazza, serve una proposta. C’è un grande fermento intorno al movimento, ma in Calabria c’è una riserva: come facciamo ad organizzare un’ iniziativa così importante se poi i partiti ci fanno capire che non hanno alcun interesse davanti all’avanzare della destra a cui non riescono a rispondere con una proposta credibile?». «Fondamentalmente – spiega ancora l’attivista – questo incrinarsi della figura onnipotente della Lega è iniziato qui al Sud, a Catanzaro, quando ancora il signor Salvini era ministro. I balconi hanno rappresentato una svolta che, però, i partiti non hanno saputo dare». La critica maggiore, dunque, è rivolta proprio alle forze politiche che dovrebbero contrastare Salvini: «Il Pd non e’ in grado di trovare un’alternativa alla destra in Calabria – sottolinea Cristallo – e un’eventuale manifestazione in Calabria non potrà essere supportata da una proposta, affidando questa terra alla destra senza nemmeno una competizione». (frac)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto