Callipo attacca Salvini: «Non appare in pubblico con Jole Santelli e già litigano per le poltrone»

Il candidato del centrosinistra non risparmia bordate a un «centrodestra che è ostaggio della Lega». «Solo noi possiamo fermarlo»

Nessuna considerazione per il Sud, con sole due visite in Calabria contro quelle innumerevoli in Emilia Romagna, nessuna apparizione in pubblico con Jole Santelli, candidata a governatore per il centrodestra, eppure ha già avanzato richiesta per avere l’assessorato regionale all’agricoltura. Le considerazioni di Pippo Callipo, candidato a governatore con il centrosinistra, non risparmiano bordate alla coalizione avversaria e ai suoi magheggi. 
«Il signor Salvini – scrive Callipo in una nota – viene in Calabria per la seconda volta – mentre in Emilia Romagna ha girato paese per paese, a dimostrazione che il Nord resta la sua vera priorità – ma non appare in pubblico con la signora Santelli. Il capo della Lega ha già detto che vuole l’assessorato all’Agricoltura, perché a lui interessano solo le poltrone. Poi ha anche la faccia tosta di parlare di sanità ma al suo fianco c’è chi ha spolpato la sanità calabrese con decenni di clientele». «Il centrodestra calabrese, che non a caso a Catanzaro si sta dilaniando per giochi di potere che evidentemente riguardano la Regione, è suo ostaggio, come è ostaggio dei campioni della vecchia politica. Se vince il centrodestra alla Cittadella comanderà Salvini e farà solo gli interessi del Nord, come dimostra la volontà ostentata di farci colonizzare dai “suoi” governatori. Ma resteranno delusi. La mia coalizione ha detto dei no che rivendico con forza e che nessuno aveva mai avuto il coraggio di dire in Calabria: abbiamo rifiutato dei “pacchetti” di preferenze e detto no ai voti della ‘ndrangheta. Ciò ha fatto capire quanto siamo fermi sui principi di legalità e rinnovamento. Quindi, alla luce di come si è evoluto lo scenario regionale e anche quello nazionale nelle ultime ore, lancio un appello diretto e col cuore in mano a tutti gli elettori, compresi quelli di centrodestra e delle altre liste, e a tutte le persone per bene che non vogliono che la Calabria sia colonizzata dalla Lega: solo noi abbiamo la forza di impedire che ciò accada, solo noi possiamo decidere del nostro destino».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto