Bruno Bossio: «Aderisco ad “Azione riformista»

La parlamentare del Partito democratico ha motivato la decisione di seguire questa strada: «La scelta è tra riformismo e populismo»

COSENZA «Ieri ho partecipato all’assemblea organizzata da Luigi Guglielmelli. Sono, intanto, soddisfatta per il successo di partecipazione che ha registrato». Così la parlamentare calabrese Enza Bruno Bossio del Partito democratico. «Condivido, poi – ha aggiunto – la necessità che venga promossa una area politico-culturale di espressione del riformismo laico e democratico. Ad “Azione Riformista” aderisco con piena convinzione e dichiaro sin da subito il mio impegno per contribuire al successo della convention programmatica provinciale per la definizione dei contenuti di un progetto rivolto soprattutto alla crescita economica e sociale ed all’accrescimento dei livelli democrazia nella nostra regione».
«Va da sé – ha detto ancora Bruno Bossio – che nulla può essere come prima: bene ha fatto Guglielmelli a sottolineare, anche autocriticamente, i limiti della azione del Pd in questi anni. La necessità di una netta discontinuità si impone sia nella azione di governo che nella forma organizzativa dello stesso Pd. Azione Riformista dovrà essere, dunque, un soggetto politico capace di lanciare una sfida sulla innovazione della identità e della cultura politica e sul rinnovamento dei gruppi dirigenti».
«Dobbiamo evitare – ha sostenuto la parlamentare dem – che si agiti in maniera propagandista la clave del rinnovamento con il celato fine della autoconservazione delle nomenclature odierne, soprattutto quelle rivelatesi, da seconda e terza fila del gruppo dirigente, campioni di opportunismo e trasformismo. Il rinnovamento deve essere tale se è capace di valorizzare la coniugazione delle competenze con il ringiovanimento generazionale. Anche per questo ho trovato giusto che ieri siano stati indicati alcuni vincoli a cui ancorare la riorganizzazione e la selezione della rappresentanza politica, a cominciare dalla scelta di non ricandidare chi ha già svolto due mandati istituzionali. Il filo conduttore e identitario di un reale processo di rinnovamento dovrà essere un profilo ispirato ai valori e ai programmi di un forte riformismo».
«L’ambizione della fuoriuscita da una crisi sociale, economica e di valori – ha concluso Bruno Bossio – può essere perseguita se si ha la capacità di sconfiggere i populismi che oggi dettano l’agenda della politica in Calabria e nel Paese. Mai come in questo momento la competizione, prima ancora che tra conservatori e progressisti, è tra riformisti e populisti. Le elezioni regionali del 26 gennaio hanno evidenziato la capacità di Bonaccini a muoversi sulla via del riformismo, al contrario della Calabria dove il Pd si è consegnato al becero populismo di Callipo ed abbiamo perso».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto