Asp di Cosenza, prorogate le indagini per oltre 80 dipendenti

Sono accusati di aver truffato l’amministrazione pubblica. Coinvolto anche l’ex sindaco di Scalea Mario Russo: si sarebbe si assentato per dedicarsi all’attività politica

PAOLA La Procura di Paola ha prorogato le indagini nei confronti di oltre 80 soggetti, tutti dipendenti dell’Asp di Cosenza e in servizio tra Paola, Scalea e altri uffici del territorio cosentino. L’accusa, a vario titolo, è di aver truffato la pubblica amministrazione assentandosi illegittimamente dal luogo di lavoro. Si tratta di un’inchiesta corposa e, per questi motivi, molte delle persone coinvolte hanno ricevuto i rispettivi avvisi di garanzia con contestuale proroga delle indagini.
Attraverso riprese video effettuate attraverso alcune micro telecamere nascoste dagli uomini dei carabinieri su delega della Procura di Paola, intercettazioni e riscontri documentali, gli investigatori nel tempo hanno verificato tutte le ipotesi di reato: molti dei dipendenti indagati, ad esempio, si assentavano per ore e per motivi personali. E, nel caso dell’ex consigliere regionale ed ex sindaco di Scalea Mario Russo, si assentavano per dedicarsi all’attività politica.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto