L’Unical dona ai Comuni 500 litri di igienizzante per mani

I laboratori di Chimica e Farmacia al lavoro per produrre il preparato. Il rettore Nicola Leone: «Un gesto di solidarietà in un momento di grande emergenza»

RENDE L’Unical fa la sua parte per l’emergenza Coronavirus aiutando il territorio in materia di prevenzione del contagio. I dipartimenti di Chimica e tecnologie chimiche e di Farmacia e scienza della salute e della nutrizione sono infatti al lavoro per produrre e donare circa 500 litri di igienizzante per le mani. Ad usufruirne saranno i Comuni del territorio che ne hanno fatto formale richiesta: Cosenza, Rende, Cellara e San Pietro in Guarano, oltre alla Croce Rossa provinciale e alla stessa Università della Calabria.
«Un atto di solidarietà – ha commentato il rettore Nicola Leone – in un momento di grande emergenza, che dimostra come il nostro ateneo non sia una torre d’avorio, ma un’istituzione viva e pulsante, aperta al territorio e alla sue esigenze». La consegna dei primi rifornimenti, in flaconi da due litri e mezzo, è già stata avviata nei giorni scorsi e nel frattempo, nei laboratori dei due dipartimenti si lavora senza sosta per poter produrre i nuovi quantitativi, man mano che arriveranno le materie prime necessarie. Le formule delle soluzioni igienizzanti sono state realizzate dai due dipartimenti, guidati rispettivamente dalla professoressa Alessandra Crispini e dalla professoressa Maria Luisa Panno, in osservanza delle regole imposte dall’Organizzazione mondiale della sanità. Una volta arrivati nelle sedi comunali, i liquidi igienizzanti saranno disponibili, attraverso dei dispenser, in uffici e spazi aperti al pubblico, per come prescritto dai recenti decreti governativi per contrastare la diffusione del Covid 19.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto