«Situazioni ancora gravi», i Comuni “focolaio” restano “chiusi” fino al 12 aprile

La presidente della Regione Santelli proroga la “chiusura” dei centri alle prese con il quadro epidemiologico più pesante

CATANZARO Sono prorogate fino al 12 aprile le ordinanze con cui il presidente della Regione, Jole Santelli, ha “chiuso” oltre 10 Comuni in Calabria per l’emergenza Coronavirus. Lo dispone una nuova ordinanza, la numero 23, della stessa presidente della Regione: la proroga riguarda Montebello Jonico, Melito Porto Salvo (Reggio Calabria), Cutro (Crotone), San Lucido, Rogliano, Santo Stefano di Rogliano, Bocchigliero (Cosenza), Serra San Bruno (Vibo Valentia), Chiaravalle Centrale, Soverato, Torre di Ruggiero, Vallefiorita e Cenadi (Catanzaro). Per un altro Comune, Fabrizia (Vibo Valentia),  fin dall’inizio la “chiusura”era stata disposta fino al 12 aprile. Le ordinanze di “chiusura” di questi Comuni prevedono, tra le varie misure, «il divieto di allontanamento dai territori comunali da parte di tutti gli individui presenti, riducendo drasticamente ogni possibilità di socializzazione, limitando al massimo ogni spostamento; il divieto di accesso nel territorio comunale; la sospensione delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l’erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità. Possono entrare ed uscire dai singoli territori comunali – specificano le ordinanze – gli operatori sanitari e socio-sanitari, il personale impegnato nei controlli e nelle attività riguardanti l’emergenza, nonché degli esercenti le attività consentite sul territorio e quelle strumentali alle stesse, con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione individuale e fermo restando la limitazione della presenza fisica del personale per quanto strettamente indispensabile». La proroga fino al 12 aprile delle ordinanze di “chiusura” dei Comuni già “isolati” è motivata dal fatto che «l’analisi dell’evoluzione epidemiologica regionale della malattia Covid-19 – è scritto nell’ordinanza numero 23 di Santelli – desta ancora preoccupazione in rapporto al contesto di riferimento, all’incidenza dei casi rilevata e alla potenziale diffusione del contagio fra i contatti. Nelle comunità, ad oggi, non sono venute meno le situazioni di particolare gravità, che ne hanno determinato l’adozione e, in molti contesti, è ancora presente la crescita delle positività nella popolazione. Inoltre – si legge nell’ultimo provvedimento del presidente della Regione – si possono determinare situazioni di pregiudizio per la collettività con il rischio di un ulteriore e progressivo incremento dei cittadini coinvolti e di ulteriori contagi, che alla fine rischiano di determinare un grave ampliamento dei focolai di infezione, non diversamente contenibile». L’ordinanza di proroga – si specifica – «potrà essere aggiornata, ove si rendesse necessario, a seguito della valutazione circa la situazione epidemiologica locale e regionale». (c.ant.)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto