Emergenza Covid, Santelli: «Respiratori e attrezzature bloccate»

La presidente di Regione chiede l’immediato sblocco all’Agenzia delle Dogane per rendere operativi i nuovi posti aggiunti alla terapia intensiva. «Abbiamo tamponi per una settimana. Per ora rimango prudente sull’utilizzo dei tamponi rapidi»

Jole Santelli

CATANZARO «Una Domenica delle Palme un po’ surreale, ma è sacrificio necessario. Essere tutti in casa oggi ci è molto utile». Ha iniziato così il suo intervento in collegamento al Tg3 la governatrice Jole Santelli che ha fatto il punto sulla sanità calabrese.
«Abbiamo aumentato i posti di Terapia intensiva, ma per renderli operativi abbiamo bisogno degli opportuni materiali. – continua Santelli – Ieri abbiamo acquistato dei respiratori e altre attrezzature che sono state bloccate dall’Agenzia delle Dogane. O ce li mandano o non sappiamo cosa fare». Santelli chiede al Ministero che queste forniture vengano dunque sbloccate perché solo così «saremo messi in condizione di rendere effettivi i posti che abbiamo aggiunto nei reparti».
E sui tamponi aggiunge: «Ne abbiamo per un’altra settimana. Siamo tra le regioni che stanno facendo più tamponi. Molti si affidano ai così detti tamponi rapidi, ma che non hanno una vera e propria valenza scientifica. Sono prudente sull’utilizzo di questo tipo di test fino. Se poi l’Istituto superiore della sanità dichiarerà la validità scientifica allora li utilizzeremo anche noi».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto