Chiaravalle, resta la paura. Sos del sindaco: «Tamponi per tutti»

Videomessaggio di Donato su facebook dopo gli oltre 70 contagi nella casa di cura: «Per noi la vicenda non è finita col trasferimento dei pazienti della Rsa, chiediamo gli screening anche per gli asintomatici»

CHIARAVALLE CENTRALE «Tamponi per tutti». C’è anche massimo allarme, a Chiaravalle Centrale, il comune in provincia di Catanzaro diventato “focolaio” di coronavirus dopo che è scoppiato il caso della Rsa-casa di cura “Domus Aurea”, nella quale si sono registrati oltre 70 casi di positività tra anziani degenti – 17 dei quali già deceduti – e operatori sanitari. C’è allarme, e anche molta paura. In un videomessaggio facebook, l’ennesimo di queste drammatiche giornate, il sindaco di Chiaravalle Domenico Donato ha lanciato un vero e proprio Sos. «L’1 aprile è finita la drammatica vicenda della “Domus Aurea” con il trasferimento dei pazienti al Policlinico di Catanzaro, ma per noi non è finita lì, invece – ha spiegato Donato – è iniziata una dura battaglia per ottenere quello che è necessario a tutti i cittadini di Chiaravale. Con ordinanza della presidente Santelli Chiaravalle e altri quattro Comuni sono diventati zona rossa perché sono focolaio. Ma essere focolaio non significa tenerci chiusi nel nostro territorio, significa anche che dev’esserci un’azione di screening generale di tutti i cittadini di Chiaravalle. E’ impensabile bloccarci nel nostro paese e non fare quello che è necessario: i tamponi per tutti».
Il sindaco di Chiaravalle ha reso noto di aver «scritto al presidente del Consiglio, al presidente della Giunta regionale, a tutti gli organi sanitari competenti, per richiedere fortemente uno screening di tutti cittadini. I dipendenti negativi sono stati sottoposti a tampone, e alcuni di loro sono risultati positivi al secondo tampone. Alcuni contatti che ci sono stati segnalati dai dipendenti – ha proseguito Donato – sono stati a loro volta sottoposti a tampone, e sono risultati positivi. Ad oggi i tamponi effettuati sono stati 12, e 6 sono positivi». Donato ha quindi concluso: «Ho chiesto l’aiuto di tutti i sindaci del comprensorio, in primis dei sindaci degli altri Comuni chiusi, perché bisogna richiedere con forza e determinazione il controllo di tutti i cittadini, non solo ai sintomatici: abbiamo necessità di avere contezza di quelli che sono presenti sul territorio, anche asintomatici, che possono creare situazioni di grave pericolo». (a. cant.)







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto