Rianimazioni che si svuotano e ricoveri diminuiti, la “discesa” del Covid-19 in Calabria

L’analisi dei dati contenuti nel bollettino regionale evidenzia come negli ultimi 10 giorni alcuni “indicatori” siano più confortanti: dal 30 aprile un aumento di oltre 130 guariti

Le rianimazioni che si “svuotano”, le guarigioni che aumentano ogni giorno di una decina di unità. Dall’analisi del bollettino quotidiano della Regione Calabria con riferimento ai dati del Coronavirus è possibile delineare un andamento confortante negli ultimi dieci giorni, con tutti gli indicatori che esprimono numeri che inducono all’ottimismo. Sul piano generale, al momento il bollettino fotografa questa situazione: 1.129 positivi complessivi in Calabria, 90 i decessi, un numero sul quale “pesa” sicuramente la silenziosa strage degli anziani ex ospiti di Chiaravalle Centrale. Andando a ritroso negli ultimi 10 giorni, fino al 30 aprile compreso, sulla scorta dei dati del bollettino regionale ci si può rendere conto che i nuovi contagiati giornalieri è sono aumentati massimo di 4, a volte di tre (in un caso tutti rientri), mentre il 2 maggio per la prima volta la Calabria che registrato zero contagi. Sul fronte dei ricoveri, il 30 aprile erano 111, ieri invece erano 70, quindi oltre quaranta in meno: e nelle rianimazioni degli ospedali calabresi si è passati da 6 ricoveri il 30 aprile due certificati ieri dalla regione. Parallelamente, si registra il quotidiano aumento del numero dei guariti dal Covid-19, con un trend superiore alle 10 guarigioni al giorno (il 4 maggio sono sati addirittura 32). Così come, anche se meno velocemente, si riscontra dal 30 aprile una diminuzione delle persone in isolamento domiciliare (da 69 ai 542 di ieri).





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto