Riapri Calabria, pubblicato il bando per le microimprese

Il meccanismo di aiuto per le aziende che hanno subito gli effetti del blocco dell’attività è stato pubblicato sul sito della Regione. Le domande dovranno essere presentate per via telematica. Dotazione complessiva è di 40 milioni di euro

CATANZARO Offrire un sostegno alla liquidità delle microimprese operanti sul territorio regionale che hanno subito gli effetti dell’emergenza Covid-19 a seguito del lockdown. È l’obiettivo del bando pubblicato sul sito della Regione Calabria inerente al provvedimento denominato “Riapri Calabria”. Si tratta di un meccanismo messo in piedi dalla Regione che prevede la concessione di un contributo a fondo perduto una tantum alle aziende calabresi colpite dal fermo imposto dal Governo a seguito dell’esplosione della pandemia. Le risorse messe in campo dal provvedimento sono attinte dal Por Calabria che prevede una dotazione finanziaria complessiva di 40 milioni di euro. Da quanto pubblicato sul sito della Regione potranno beneficiare del contributo a fondo perduto le microimprese che abbiano un fatturato nel corso dell’anno solare 2019 compreso tra 5 e 150mila euro e la cui attività economica è stata sospesa ai sensi dei Dpcm 11 marzo 2020 e 22 marzo 2020 che operano nei settori di attività economica ammissibili riportati dall’Avviso e le microimprese artigiane operanti in tutti i settori iscritte nell’apposito albo.
L’aiuto previsto dalla misura attivata dall’avviso – Asse 3 Azione 3.2.1 del Por Fesr Calabria – comprende un contributo a fondo perduto una tantum pari a duemila euro per ciascuna impresa richiedente. È ammessa per ciascuna impresa una sola domanda di contributo.
La richiesta, si legge nell’avviso, dovrà essere presentata esclusiva mediante la piattaforma informatica disponibile sul portale regionale Calabria Europa. Tre gli step previsti per la presentazione delle domande: una prima fase attiva dal 29 maggio al 3 giugno per la registrazione dell’utenza sul portale; una seconda che scatterà dal 3 giugno in cui sarà possibile inviare le domande e l’ultima a partire dal 4 giugno e fino al 8 giugno in cui si dovranno caricare sulla piattaforma tutti i documenti previsti dal bando.
Le domande saranno finanziate fino ad esaurimento delle risorse disponibili. È l’iter valutativo si concluderà a seguito della verifica della ricevibilità ed ammissibilità delle istanze ricevute.  (rds)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto