Tutela del patrimonio boschivo, presentato il piano di prevenzione antincendio

Nella “Sala Verde” della Cittadella è stato illustrato nel dettaglio il sistema operativo che entrerà in vigore dal 15 giungo. Un investimento di 10milioni e mezzo di euro. Santelli: «Facciamo rete e trasformiamo l’emergenza in opportunità»

di Maria Rita Galati
CATANZARO
La campagna di sensibilizzazione alla prevenzione del fenomeno relativo agli incendi è pronta a partire, puntuale, anche quest’anno. Il 15 giugno si avvicina e la Giunta regionale è pronta a far conoscere e attuare il piano varato lo scorso 15 maggio. A disposizione ci sono dieci milioni di euro per prevenzione e interventi attivi, risorse che resistono ai tagli dei trasferimenti nazionali ma che rappresentano lo “zoccolo duro” di una strategia di tutela di un patrimonio, quello boschivo e naturalistico, su cui conta quel turismo esperienziale che vuole fare la differenza per il post lockdown. A fare la differenza deve essere, ancora una volta, la sensibilità e la responsabilità dei calabresi che, come nel rispetto di ordinanze e misure di contenimento di diffusione del virus, hanno dimostrato di essere ligi e disciplinati.
IL PIANO ANTINCENDIO A presentare il Piano di prevenzione antincendio, questa mattina, nella Sala Verde, nel rispetto delle misure di distanziamento e con mascherine indossate a regola d’arte, con il presidente della Regione Jole Santelli, l’assessore delegato all’Agricoltura e alla Forestazione Gianluca Gallo, e dirigente generale alla Forestazione Salvatore Siviglia anche commissario straordinario di Calabria Verde, generale Aloisio Mariggiò, il Comandante regionale dei Carabinieri Forestali, Colonnello Giorgio Maria Borrelli, rappresentanti dell’Anci e dei Parchi calabresi. Alla sensibilità dei calabresi, e della stampa, si è appellata la governatrice. «Fare rete per tutelare il nostro immenso patrimonio boschivo e tramutare ciò che negli anni è stato visto come un problema o un’emergenza in una grande opportunità non solo ambientale ma anche turistica. Un gioco di rete – ha detto ancora la presidente Santelli – che deve coinvolgere tutti i protagonisti in campo, consapevoli che i mesi appena trascorsi hanno lasciato il nostro territorio più secco rispetto agli altri anni e quindi più vulnerabile riguardo al rischio incendi. Mi appello dunque alla Calabria nella sua interezza affinché tenga comportamenti virtuosi e sia vigile nella difesa di questo immenso patrimonio. Più in generale, abbiamo preso un impegno serio nelle dichiarazioni programmatiche nel voler valorizzare i nostri boschi e renderli finalmente una grande opportunità di sviluppo per la nostra terra». Secondo l’assessore Gallo, il Piano anticendi è uno “strumento indispensabile per tutelare il nostro patrimonio boschivo che è assolutamente centrale nel programma di questo governo regionale. Un patrimonio – ha sottolineato – non solo sostanziale dal punto di vista dell’ambiente, ma anche sul piano del potenziale economico della regione. Si tende troppo spesso infatti a trascurare che questo patrimonio naturale rappresenta un’enorme possibilità di ricchezza per la Calabria e per i cittadini. Noi dobbiamo invece raccogliere la sfida, come sistema, e spiegare ai calabresi che la tutela dei nostri boschi è prima di tutto la tutela di noi stessi. Preoccupa – ha aggiunto – che abbiamo avuto un inverno molto secco e questo rende maggiormente rischiosa la possibilità che durante la stagione estiva si manifestino incendi. Per questo rivolgo un accorato appello, soprattutto agli organi di informazione, affinché siano fatti tutti gli sforzi per garantire una corretta informazione sulla prevenzione di tali fenomeni e rendere tutti i calabresi più attenti e responsabili sui rischi». Salvatore Siviglia, ha poi illustrato più nel dettaglio il Piano antincendi 2020. «Nonostante i tagli statali sul settore la Giunta ha voluto garantire le coperture necessarie alla tutela del patrimonio boschivo – ha detto ancora -. Quindi anche quest’anno saranno impiegati dieci milioni di euro per le varie azioni incluse nel Piano. Il prossimo 15 giugno partirà dunque la campagna di sensibilizzazione alla prevenzione del fenomeno relativo agli incendi ma già dai prossimi giorni avvieremo una serie di incontri con le prefetture e i comuni della Calabria per essere pronti in vista della stagione estiva. La Calabria – ha aggiunto – si distingue per saper mettere in pieni un coordinamento tra Calabria Verde, Parchi e Consorzi di bonifica anche per dare sostegno concreto ai Comuni». Nonostante fossero in cassa integrazione, spiega il commissario Mariggiò, 400 operai hanno garantito il servizio antincendio. Si rientra, quindi, a contingente pieno con le squadre che si formano per garantire la sicurezza in conformità alle misure anti-covid. «Come abbiamo fatto lo scorso anno – ha spiegato ancora Mariggiò – abbiamo cercato di aprire le sale operative h24, e comunque le abbiamo mantenute aperte ogni giorno, garantiamo la reperibilità cercando di sgravare anche i vigili del fuoco, la cui collaborazione rimane preziosissima soprattutto nei centro abitato. E con il nuovo – piano – ha concluso Mariggiò – è stata approntata una strategia per ridurre i tempi di spegnimento degli incendi». (redazione@corrierecal.it)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto