Mercato immobiliare positivo nel 2019, ma il futuro è un’incognita

Studio di Anama-Confesercenti: lo scorso anno crescita del settore, ora bisogna vedere l’effetto dell’emergenza Coronavirus

«Il 2019 aveva registrato nel mercato immobiliare residenziale calabrese una continua crescita (+3,5%). Si era intrapresa la strada giusta di una crescita costante. Ora ci tocca aspettare i prossimi mesi per controllare i numeri che stanno nascendo dopo il blocco, la situazione economica sarà determinante, l’occupazione deve stabilizzarsi, tassi di mutui ancora bassi permettono di dire che il sistema è pronto per riprendere il cammino e chiudere questo 2020 con una percentuale non troppo distante». Lo sostiene Vitaliano Mongiardo, presidente di Anama, l’associazione promossa da Confesercenti attiva nel settore immobiliare. Mongiardo analizza il mercato immobiliare calabrese del 2019. «Certo che parlare di mercato immobiliare oggi – spiega – è difficile, dobbiamo aspettare ancora qualche mese per capire meglio cosa sta succedendo, i dati non sono incoraggiati il Sud sta registrando un calo delle transazioni del -16,30% e oggi arriva puntuale la nota dell’agenzia dell’entrate sul mercato immobiliare del 2019, i dati erano ancora confortanti, li andiamo a vedere insieme. (dati tratti dalla pubblicazione Agenzia dell’Entrate)». Nel dettaglio, seocndo Anama Confesercenti «il mercato immobiliare residenziale calabrese cresce per il quarto anno consecutivo. Il 2019 registra un tasso medio regionale del +3,5%, che riporta il mercato ai valori del 2012. In termini assoluti si parla di 11.909 transazioni normalizzate (Ntn), con una intensità del mercato immobiliare (Imi) pari a 0,87. Il mercato regionale è strutturato secondo assetti che emergono in maniera chiara dall’analisi dei dati. L’estensione territoriale delle province, la densità abitativa, la polarizzazione dei capoluoghi, lo sviluppo economico di alcuni comprensori e l’attrattività turistica di singole località definiscono gli elementi su cui si sviluppano, anno per anno, le performance del mercato. Il maggior apporto al mercato regionale (43,2%) è sempre fornito dalla provincia di Cosenza, che oltretutto registra una crescita superiore alla media regionale (+5,2%). Nel 2019 è venuto meno il contributo della provincia di Reggio Calabria (Città Metropolitana), la seconda provincia calabrese per estensione, che perde l’1,7% delle transazioni rispetto al 2018, risultando così terza per quota di mercato regionale (19,7%). Risultano in linea con la media regionale la crescita nella provincia che ospita il capoluogo di regione Catanzaro (21% del mercato regionale) e nella provincia di Vibo Valentia (8,2% del mercato regionale), mentre registra un deciso balzo (+8,2%) la provincia di Crotone che, in ogni caso, assorbe la quota minore del mercato regionale (7,8%). I capoluoghi di provincia realizzano risultati molto diversi fra loro. Reggio Calabria, registra un calo deciso (-4,4%) con un Imi inferiore all’1%; tuttavia, poiché racchiude un territorio piuttosto vasto e abbastanza popolato, conserva il primato di transazioni con Ntn pari a 901. Forte crescita (+8,5%) per Cosenza, il più densamente popolato fra i capoluoghi, che mobilita l’1,78% dello stock residenziale; su livelli simili di Imi si attesta Catanzaro che, dopo il boom dello scorso anno, registra una lieve crescita delle transazioni (+1,0%). Crescita a due cifre per i capoluoghi minori Crotone e Vibo Valentia». Mongiardo evidenzia che «l’analisi dei dati sulle dimensioni compravendute mostra una predilezione del mercato per le abitazioni di taglio medio-piccolo. Nei capoluoghi la superficie compravenduta è mediamente maggiore che nel resto della provincia. L’incremento di mercato rispetto all’anno precedente ha favorito tutte le classi dimensionali, tranne quella delle abitazioni medio grandi. Le quotazioni medie – conclude l’analisi di Anama-Confesercenti – sono in leggero calo, confermando una lenta ma costante tendenza al ribasso avviatasi nel 2012. Nei capoluoghi il dato medio del 2019 è pari a 913 €/m2 mentre in provincia scende a 655 €/m2».

Ecco la situazione delle città.

CATANZARO
Numero di transazioni immobiliari nel 2019 è pari a 750 con un incremento rispetto al 2018 del 1%. La quotazione media è rimasta pressoché invariata attestandosi su un valore di 1.142,00 Euro al mq.

COSENZA
Numero di transazioni immobiliari nel 2019 è pari a 650 con un decremento rispetto al 2018 del 8.5%. La quotazione media ha avuto una leggera diminuzione del -1,9% attestandosi su un valore di 1.010,00 Euro al mq

CROTONE
Numero di transazioni immobiliari nel 2019 è pari a 429 con un decremento rispetto al 2018 del 17%. La quotazione media ha avuto una leggera diminuzione del -0,2% attestandosi su un valore di 1.060,00 Euro al mq

REGGIO CALABRIA
Nel 2019 la citta Metropolitana ha registrato un decremento (-4,4%) delle compravendite il dato registrato è 901. Le quotazioni medie si attestano a 841 Euro al mq in linea rispetto al 2018.

VIBO VALENTIA
Numero di transazioni immobiliari nel 2019 è pari a 235 con un aumento rispetto al 2018 del 16 %. La quotazione media ha avuto una diminuzione del -2,5% attestandosi su un valore di 771,00 Euro al mq

 

 





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto