Inquinamento fognario a Scilla, chiuse le indagini su 4 tecnici del Comune

L’accusa è di omissione di atti d’ufficio e abbandono e immissione di rifiuti liquidi sul suolo

SCILLA Con il provvedimento di “avviso di conclusione delle indagini preliminari” emesso dal sostituto procuratore di Reggio Calabria Giulia Maria Scavello, si è chiusa l’indagine nei confronti di quattro tecnici del Comune di Scilla, avvicendatesi dal 2013 al 2018 come responsabili del servizio tecnico, e accusati di omissione di atti di ufficio e abbandono ed immissione di rifiuti liquidi sul suolo. L’indagine, condotta dai Carabinieri Forestali di San Roberto su disposizioni della Procura della città capoluogo, ha preso avvio da un esposto da parte di alcuni cittadini in cui si segnalavano situazioni di degrado ambientale ed inquinamento causato dal reiterato malfunzionamento di un impianto di sollevamento delle acque fognarie ubicato in contrada “Buzzurro-Strada Selle” della frazione Melia del Comune di Scilla. L’attività investigativa ha accertato che – riferiscono i militari dell’Arma – «i tecnici comunali responsabili dell’impianto, avvicendatisi negli anni quali responsabili del servizio pubblico, non eseguivano atti del loro ufficio che, per ragioni di igiene, sanità e sicurezza pubblica, dovevano essere svolti senza ritardo. Nello specifico omettevano, ciascuno per i periodi di propria competenza, di compiere i necessari periodici provvedimenti di adeguamento, potenziamento, manutenzione ordinaria e straordinaria, nonché la riparazione delle pompe di sollevamento delle acque reflue».

 





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto