La Regione chiuderà le discoteche. Orsomarso: «Ordinanza in arrivo, anticiperemo il governo»

L’assessore al Turismo annuncia il provvedimento che sarà adottato a breve dopo aver partecipato alla Conferenza Stato-Regioni. Le motivazioni? «I casi di alcune nostre città. Sentiamo prima di tutto la responsabilità della salute dei calabresi»

CATANZARO Sembra in dirittura d’arrivo una nuova ordinanza regionale che chiuderà le discoteche e tutti quei locali in cui si balla in Calabria.
Ad annunciare la prossima mossa della Regione è l’assessore al Turismo, Fausto Orsomarso, finito sui media qualche giorno fa proprio per una sua apparizione in discoteca. «Ieri – scrive su Facebook il rappresentante di Fratelli d’Italia – ho partecipato alla conferenza Stato-Regioni in rappresentanza della Calabria, nella quale insieme agli altri governatori e assessori regionali si è discusso con i ministri Boccia, Speranza e Patuanelli sia dei rientri dei circa 300 mila italiani da Grecia, Spagna, Croazia e Malta e degli assembramenti nelle sale da ballo. Abbiamo provato a portare anche le nostre raccomandazioni ai giovani che abbassando la guardia si mettono a rischio contagio nei luoghi di svago».
Orsomarso riferisce anche di aver chiesto al ministro della Salute «di adottare una linea nazionale al di là delle ragioni economiche degli operatori che avevano incontrato già il Ministro Patuanelli. Avevamo detto anche agli esercenti calabresi che avremmo tenuto sotto controllo i dati epidemiologici e che non vorremmo subissero una impennata».
Da qui, «dopo i casi di alcune nostre città, sentendo prima di tutto la responsabilità della salute dei calabresi e dei nostri ospiti, stiamo predisponendo ordinanza che chiude tutte le discoteche della Calabria anticipando quella del Governo Nazionale. Il ministro Patuanelli – conclude Fausto Orsomarso – ci ha fornito i dati relativi al comparto economico e sta valutando una misura nazionale per ristoro delle perdite degli operatori economici che occupano circa 40.000 persone in tutta Italia».
Un provvedimento, proprio alla vigilia di Ferragosto, che farà – e sta facendo – molto discutere.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto