Emergenza incendi, Fai Cisl Calabria: «Immediato ricambio generazionale nel settore forestale»

Nel paesaggio calabrese il verde sta cedendo il posto al marrone bruciato. Per la Fai Cisl Calabria è fondamentale «favorire il presidio umano sul territorio» avviando un turnover per attività di prevenzione e antincendio

LAMEZIA TERME «L’emergenza incendi sta segnando pesantemente tutto il territorio calabrese anche nell’estate del 2020, mandando letteralmente in fumo importanti pezzi del patrimonio boschivo e paesaggistico della regione». Lo afferma in una nota la Segreteria regionale della Fai Cisl, riunita a Lamezia Terme.
«Percorrendo la Calabria – prosegue il comunicato – si constata purtroppo, e con sconforto, come nel paesaggio il colore verde stia cedendo il posto al marrone bruciato. Perciò, mentre esprime il proprio apprezzamento per l’azione di contenimento delle fiamme che Calabria Verde, Consorzi di Bonifica, Vigili del Fuoco, Protezione Civile e tutti i soggetti coinvolti stanno svolgendo, la Fai Cisl calabrese evidenzia, come sostiene da tempo, che è indispensabile un cambio di passo nel settore forestale calabrese sia per l’attività antincendio che per la manutenzione del territorio e la rinaturalizzazione delle aree interne».
«Purtroppo – aggiunge il sindacato – sono trascorsi molti anni, forse troppi, stracolmi di buoni propositi, ma vuoti di scelte e indirizzi politici orientati a rafforzare concretamente le attività di prevenzione, manutenzione del territorio e capillare azione di antincendio boschivo. Ora il sostegno e la promozione del presidio umano sul territorio, insieme ad una decisa politica di ricambio generazionale nel settore forestale, devono diventare priorità, in una visione strategica che miri a sostenere, con le attività di costante pronto intervento e antincendio boschivo, le azioni di prevenzione e manutenzione, da considerare come aspetti di un unico Piano per la tutela del bosco e del territorio. Le attività di manutenzione e cura integrata dei boschi – che significano per l’appunto tutela e salvaguardia dell’ambiente, del territorio e delle comunità – sono necessarie, infatti, sia all’opera di chi affronta da vicino il fuoco, lo indirizza e lo circoscrive, sia al rispetto dell’ambiente».
«Per queste ragioni – spiega la Fai Cisl calabrese – è indispensabile riscoprire il ruolo del lavoro forestale che senza un immediato ricambio generazionale, senza l’inserimento di personale giovane da formare accanto a chi ha alle spalle anni di esperienza, rischia di scomparire, vanificando competenze e decenni di lavori e opere a tutela dell’ambiente forestale e delle aree interne, che non possiamo dimenticare. Né può bastare la pur meritoria opera dei volontari impegnati nell’attività antincendio. Il rischio concreto è che lo storico, millenario patrimonio forestale e il lavoro di rimboschimento svoltosi subito dopo il secondo conflitto mondiale, restino solo immagini da libri di storia, con l’amara e cruda realtà di boschi abbandonati, devastati, distrutti».
«È necessario perciò – conclude la Segreteria della Fai Cisl calabrese – investire in programmazione, idee, progetti e reperire importanti risorse finanziarie per un settore in cui mettere in sicurezza la montagna significa salvaguardare le comunità, le aree interne e rurali, i campi agricoli, le bellezze paesaggistiche, le risorse idriche, le coste, l’intero territorio calabrese. Su questi temi la Fai Cisl Calabria è da sempre impegnata e, nei prossimi giorni, lancerà le sue proposte a favore del sistema agro-ambientale regionale, per come già fatto presso l’Assessorato competente, tramite un documento del sindacato che sarà distribuito tra lavoratrici e lavoratori e nelle sedi Fai Cisl periferiche, affinché sia occasione di discussione, di condivisione di idee e di crescita comune».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto