Il Covid visto dalla “trincea” del “Pugliese Ciaccio”: «Qui siamo attrezzati»

Parla il primario del reparto di Malattie infettive dell’ospedale di Catanzaro, Lucio Cosco: «Il virus non è cambiato ma siamo consapevoli di poterlo affrontare nel migliore dei modi». Una nota di rammarico: «A parte Belcastro, nessun approccio dalla Regione»

CATANZARO «Eravamo attrezzati quando non potevamo prevedere quello che è successo tra marzo e aprile, a maggior ragione siamo attrezzati e consapevoli di poter affrontare il problema ora». Lucio Cosco è il primario del reparto di Malattie infettive dell’ospedale “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro, un “avamposto” in Calabria contro il Coronavirus. È qui che in primavera il Covid 19 ha trovato una “trincea” granitica, in questo reparto che è diventato un modello di eccellenza calabrese in tutt’Italia avendo, tra l’altro, curato e guarito due pazienti in condizioni disperate trasferiti in Calabria dal “Ground Zero” del Bergamasco. La fase critica è stata – brillantemente – superata, ora c’è da fronteggiare questa nuova, al momento – e si spera sia sempre così – piccola “ondata”, con un aumento di ricoverati nel reparto catanzarese. Cosco comunque non si fascia la testa, tutt’altro: «Si è verificato quello che era nelle previsioni, fortunatamente perché siamo consapevoli che il virus non si può eliminare ma altrettanto consapevoli – spiega il primario di Malattie Infettive del “Pugliese Ciaccio” – che dobbiamo convivere con esso e affrontare nel migliore dei modi tutti i focolai che possono nascere sul territorio, in modo da eliminare il più possibile il contagio tra più persone». Inevitabile il ritornare con la mente a qualche mese fa, l’inarrestabile diffusione del Coronavirus e la “pressione” sulle strutture sanitarie calabresi, prima tra tutte Malattie infettive dell’ospedale di Catanzaro: «Fortunatamente – rileva Cosco – ce l’abbiamo fatta, e a mio avviso ce l’abbiamo fatta in maniera egregia affrontando nel miglior modo questa situazione. Vorrei ringraziare i miei vertici – dal commissario Zuccatelli ai direttori Pelle e Mantella alla dottoressa Morrillo perché ancora una volta hanno fatto un lavoro egregio consentendoci di lavorare in serenità, non facendo mai venire meno i dispositivi di protezione e questo nei primi giorni è stato importante». Lo sguardo al presente e al futuro, al Covid 19 che ancora circola, ma Cosco riconduce il tutto in un contesto di normalità: «Eravamo attrezzati quando non potevamo prevedere quello che è successo tra marzo e aprile, a maggior ragione siamo attrezzati e consapevoli di poter affrontare il problema ora. Certo – sostiene il primario di Malattie Infettive del “Pugliese Ciaccio” – il virus assolutamente non è cambiato: io ho un’opinione, che i dati confortano, e cioè i ricoveri “precoci” servono soprattutto a non far andare i pazienti in rianimazione e quindi aumentiamo la sopravvivenza degli stessi malati. Non bisogna assolutamente aspettare di andare incontro a un’insufficienza respiratoria anche medio grave». Quanto alla riapertura delle scuole per Cosco «sicuramente non è a rischio zero, vedremo, ma probabilmente siamo pronti ad affrontare eventuali focolai». Infine, una piccola nota, più di rammarico che di polemica: «Ringrazio il dottore Belcastro, che è stato sempre molto disponibile, non solo con me ma penso con tutti. Per il resto, non ho avuto alcun approccio con chiunque della Regione», conclude Cosco. (a. cant.)

 

 





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto