Botte e minacce all’ex, calabrese arrestato a Reggio Emilia

L’uomo aveva iniziato una relazione durante il lockdown. A causa della gelosia ossessiva sarebbe arrivato a picchiarla ripetutamente anche con oggetti contundenti: è stato arrestato con le accuse di lesioni personali e atti persecutori

REGGIO EMILIA I carabinieri di Bagnolo in Piano hanno eseguito un provvedimento cautelare emesso dal Tribunale di Reggio Emilia nei confronti di un 38enne calabrese accusato di atti persecutori e lesioni personali.
Complice il lockdown dall’aprile scorso l’uomo ha iniziato una relazione sentimentale con la vicina sua dirimpettaia nei confronti della quale a causa della gelosia ossessiva ha posto in essere gravi condotte persecutorie e violente consistenti in continue telefonate per controllarla, numerosi messaggi pieni di insulti e allusioni sessuali, offese di persona, minacce del tipo di sbatterla fuori dall’auto in corsa o di abbandonarla in montagna durante un escursione, distruggere oggetti della donna o suoi personali durante scatti d’ira.
L’uomo sarebbe arrivato a picchiarla ripetutamente anche con oggetti contundenti, quali sedie di casa e scala da lavoro, dandole schiaffi e calci causandole nell’unica circostanza in cui la donna e’ ricorsa alle cure mediche 10 giorni di prognosi per le lesioni riportate. La Procura ha richiesto e ottenuto dal gip del Tribunale di Reggio Emilia, l’applicazione nei confronti dell’uomo, della misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti della donna, una 40enne di Bagnolo.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto