Droga dal Sudamerica, accordo tra romani e calabresi per lo spaccio nella Capitale

I carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 12 persone ritenute appartenenti a un’organizzazione vicina alla ‘ndrangheta

I carabinieri del Comando provinciale di Roma hanno eseguito un’ordinanza che dispone misure cautelari nei confronti di 21 persone, emessa dal gip di Roma, su richiesta della Direzione distrettuale Antimafia, ritenute appartenenti a una organizzazione composta da italiani (romani e calabresi) e stranieri, vicina alla ‘ndrangheta e attiva nel settore del narcotraffico internazionale. L’organizzazione operava a Roma e provincia, con intermediari sudamericani per l’acquisto e il finanziamento di ingenti quantitativi di droga. In alcuni casi la droga giungeva in Italia occultata all’interno di flaconi di prodotti fitoterapici. È stato accertato dai militari che due persone, nonostante fossero detenute presso le case circondariali di Frosinone e Terni, avevano continuato gestire i rifornimenti di droga a favore di alcuni sodali, per la successiva distribuzione ai clienti.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto