Scuole medie e superiori chiuse, coprifuoco tra le 24 e le 5. Calabria come la Lombardia

Pronta una nuova ordinanza della Regione dopo l’aumento dei casi di Covid. Vietate le visite ai pazienti ricoverati in ospedali e Rsa. Le misure presto al vaglio dei ministri Speranza e Azzolina

cittadella regionale calabria

CATANZARO L’aumento dei nuovi casi di Covid-19 in Calabria negli ultimi due giorni, in parallelo con quanto sta avvenendo nel nostro Paese, preoccupa i vertici della Regione, guidata dal presidente facente funzioni Nino Spirlì. Gli ultimi due bollettini ufficiali parlano di 323 nuovi casi e 8 ricoveri in Terapia intensiva. Numeri e che potrebbero spingere a breve proprio i vertici della Regione ad assumere decisioni importanti e radicali, almeno per i prossimi 15 giorni, nel tentativo di contenere l’aumento dei casi di coronavirus.

LA NUOVA ORDINANZA Decisioni che dovranno comunque passare sotto la lente d’ingrandimento dei ministri Speranza e Azzolina, ma che si ispirano alle altre regioni, come la Lombardia, in cui la curva dei contagi negli ultimi giorni è diventata sempre più ripida. Ad essere interessate dalle nuove misure potrebbero essere le scuole. La Regione, infatti, starebbe pensando a sospendere le lezioni in presenza per le prossime due settimane negli istituti superiori e nelle scuole medie mentre le nuove misure non dovrebbero interessare la didattica in presenza per le scuole primarie e gli asili.

OSPEDALI E RSA Altre decisioni radicali, invece, dovrebbero riguardare la sanità. La Regione sta pensando a vietare le visite dei parenti dei pazienti ricoverati negli ospedali, negli ambulatori e poliambulatori e nelle Rsa. Limitazioni che dovrebbero riguardare anche le visite mediche specialistiche non urgenti mentre dovrebbero rimanere aperti gli ambulatori e i poliambulatori per le visite specialistiche riservate ai malati gravi, oncologici e affetti da disabilità.

FERMO NOTTURNO Infine la Regione potrebbe optare per il fermo notturno di tutte le attività della popolazione tra le 24 e le 5. Una misura di due settimane ma che, in casi estremi, potrebbe essere prorogata anche per ulteriori settimane.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto