Nasceranno a Reggio i nuovi treni regionali

Hitachi si aggiudica la gara da 1,6 miliardi bandita da Trenitalia per i nuovi convogli a trazione diesel-elettrica. Saranno costruiti (anche) nello stabilimento dello Stretto

REGGIO CALABRIA Gli “hitachisti” – così li chiamano a Reggio Calabria – avranno altro lavoro da fare nello stabilimento sullo Stretto che racconta il Sud che potrebbe essere (e invece non è).
Trenitalia (gruppo Fs) ha aggiudicato a Hitachi Rail Italy (ex Ansaldobreda) un accordo quadro per la fornitura di 135 nuovi treni regionali a trazione diesel-elettrica attraverso una gara europea per un importo a base d’asta di 1,6 miliardi di euro. E i nuovi treni – che entreranno in esercizio a partire dal 2021 – saranno costruiti negli stabilimenti italiani di Pistola, Napoli e Reggio Calabria, dove sono già in produzione i nuovi treni Rock ad alta capacità di trasporto, con ricadute positive sul piano dell’occupazione. 
L’ordine rappresenta un ulteriore tassello, sottolinea Trenitalia, per il rinnovo dei treni regionali e il rilancio del trasporto pendolari, un tema che sta particolarmente a cuore al ministro grillino delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. La commessa per i treni diesel si aggiunge agli investimenti già attivati per la fornitura dei nuovi 500 treni per il trasporto regionale Rock (il costruttore Hitachi) e Pop (costruttore Alstom),già in produzione, per i quali è previsto un investimento economico complessivo di 4,3 miliardi di euro, che inizieranno a circolare già dalla primavera del 2019. La gara è stata aggiudicata – sottolinea una nota di Trenitalia – con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, come previsto dal Codice appalti. L’accordo quadro prevede un minimo garantito di 70 treni.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto