‘Ndrangheta, due arresti dei carabinieri di Rosarno

I militari dell’Arma hanno rintracciato due persone accusate di associazione mafiosa e già coinvolte in due distinte operazioni contro le consorterie del Reggino e del Vibonese

ROSARNO I carabinieri di Rosarno hanno arrestato Massimo Fida, 45 anni, in ottemperanza a un ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso il 23 magio 2019 dalla Procura generale di Reggio Calabria. L’uomo, già coinvolto nella maxi-operazione “Crimine” del 2010 della Da Reggina, dovrà scontare la pena residua di quasi due anni poiché adesso colpevole del reato di associazione di tipo mafioso commesso sino nel 2009. Nello stesso contesto operativo, i militari dell’Arma hanno dato esecuzione a un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura generale di Catanzaro, nei confronti di Nicola Zungri, 55enne, in quanto adesso riconosciuto definitivamente colpevole del reato di associazione di tipo mafioso. L’uomo, che era stato coinvolto nell’ ambito dell’operazione “Genesi”, condotta dalla Dda di Catanzaro contro le cosche del Vibonese ed eseguita nel mese di agosto 2000, dovrà scontare la pena residua di 7 e mezzo in regime carcerario. Gli arrestati sono stati condotti rispettivamente presso la propria abitazione e presso il carcere di Reggio Calabria, a disposizione dell’autorità giudiziaria.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto