Speranza: «Per la sanità penso a un altro modello di commissariamento»

Il ministro a Reggio Calabria per una manifestazione elettorale. «In Calabria dobbiamo alzare la qualità dei servizi. Abbiamo abolito il super ticket e trovato il modo di assumere migliaia di persone». Sulle Regionali: «Qui una sfida decisiva»

REGGIO CALABRIA «I calabresi hanno diritto che anche qui il diritto alla salute previsto dall’articolo 32 della Costituzione venga difeso come in ogni altra Regione d’Italia».
Lo ha ribadito il ministro della Salute Roberto Speranza, a margine di una manifestazione elettorale a Reggio Calabria di Liberi e uguali in vista delle regionali del 26 gennaio.
«In questi primi mesi – ha aggiunto – ho provato a fare tutto quello che è possibile. Dobbiamo alzare il livello di qualità del Servizio sanitario nazionale in questa regione. Ci siamo impegnati per dare una risposta vera ai precari, che qui erano tantissimi; abbiamo spostato i termini della Legge Madia al 31 dicembre 2019, dando una risposta importante, che a livello nazionale parla a trentamila persone e qui a parecchie migliaia.
Abbiamo abolito il super ticket, che era un problema vero. Un calabrese oggi paga 10 euro in più per una visita specialistica, rispetto ad un emiliano-romagnolo o un veneto. Io penso che questo sia grave. E abbiamo nominato, finalmente, i nuovi vertici delle aziende sanitarie, i nuovi Commissari che sono persone di qualità che potranno dare una risposta. Nessuno ha la bacchetta magica e nessuno pensa di fare i miracoli, ma con molta sobrietà e serietà dobbiamo dobbiamo dare una risposta, perché la qualità della sanità in questa Regione sia all’altezza delle aspettative dei cittadini».
«Sul commissariamento – ha poi detto Speranza – abbiamo fatto un’intesa che è stata approvata nella Conferenza Stato-Regioni, nel Patto per la salute. Io ho in testa un altro modello di commissariamento. Credo che debba essere un’arma estrema e finora non ha sempre funzionato. Dobbiamo costruire un altro modello di Commissariamento».

«CALABRIA REGIONE DECISIVA» «Per me la Calabria è una regione decisiva. Sono anch’io un uomo del Sud. Credo che la Calabria sia essenziale, anche per la sua collocazione geografica nel Mediterraneo. Dobbiamo investire sul Mezzogiorno, dobbiamo investire sulle aree interne, ridurre le diseguaglianze. Ecco, io credo che questa sia la nostra grande sfida. A dirlo il ministro della Salute Roberto Speranza oggi a Reggio Calabria per partecipare ad una manifestazione di Liberi e uguali in vista delle regionali del 26 gennaio.
«A me – ha aggiunto – non convince l’idea di un Paese in cui c’è chi corre a mille all’ora è chi è ancora costretto ad andare a 30 o a 50 all’ora. Io vorrei un paese più unito, più equo, in cui tutti abbiano più diritti e da parte mia lavorerò sicuramente in questa direzione».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto