«La Calabria dia risposte ai minori in difficoltà»

A Reggio Calabria l’iniziativa di Agape, camera Minorile e Forum associazioni familiari. «Poche le risorse destinate ai servizi sociali, ci aspettiamo risposte dal nuovo governo regionale». I numeri e le speranze dopo le «sparate della politica» nell’estate di Bibbiano

REGGIO CALABRIA «È stata l’ultima estate quella del caso Bibbiano e delle sparate dei politici contro le case famiglia, gli affidi e le adozioni. Ma se davvero si vuole mettere mano a un sistema di accoglienza che, inclusi i minori stranieri non accompagnati, accoglie oltre 30mila minorenni in Italia occorre farlo con serietà e competenza. Ascoltando la voce in primis dei diretti interessati, tutti quei ragazzi e quelle famiglie e centri che li hanno accolti dando loro la possibilità di sperimentare una vita diversa dopo tante ferite, abbandoni, maltrattamenti». È questo l’appello che Centro Comunitario Agape, Camera Minorile e Forum delle associazioni familiari intendo lanciare a tutte le istituzioni interessate per ribadire che l’affido, la comunità, l’allontanamento dalla propria famiglia in casi estremi, l’adozione, sono un’opportunità che nella bagarre mediatica di questi mesi, è stata colpevolmente silenziata.
«C’è stata una distorsione strumentale della realtà e una rabbia incomprensibile contro i servizi. Le esperienze di accoglienza che anche in Calabria sono oggi attive, pur con enormi difficoltà, possono restituire la verità di un sistema che ha le sue falle ma che nel complesso funziona e che sarebbe folle smantellare», continua la nota.

«La Calabria e in particolare il territorio della Città metropolitana di Reggio –si legge ancora – registrano infatti la presenza di una rete di servizi significativa ma tante sono le criticità che hanno ostacolato la sperimentazione di un sistema di Welfare per le famiglie e per i minori adeguato. In primis la mancata applicazione della legge 328, di un piano sociale regionale e di zona in grado di attivare una programmazione dei servizi socio sanitari su tutto il territorio regionale, con investimento di risorse, con la copertura dei vuoti di organici nei Comuni di profili professionali fondamentali come assistenti sociali, psicologi, educatori. Compresa un riparto più equo delle risorse da parte delle regione che in atto vede penalizzate alcune aree come quelle del Reggino».
La recente approvazione della delibera sui regolamenti attuativi ha aperto un primo spiraglio che ora il nuovo governo regionale dovrebbe dare concreta applicazione. Su questi temi, per contibuire all’avvio di una nuova fase nelle risposte all’infanzia a rischio e alla fragilità delle famiglie che in Calabria tocca un minore su due, è stato promosso un incontro di studio che focalizzerà in particolare il ruolo dei Tribunali per i Minorenni e quello della città metropolitana per politiche e metodologie di intervento in grado in garantire a tutti i minori il diritto a vivere in una famiglia, privilegiando quella d’origine oppure quella affidataria e adottiva.Su questo tema il Tribunale per i Minorenni sta lavorando per delle linee guida in grado di migliorare il sistema, di garantire sempre più trasparenza, tempestività negli interventi, coinvolgimento della rete degli attoti istituzionali e sociali del territorio.
Il programma prevede dopo l’introduzione di Mario Nasone del Centro comunitario Agape, un breve video, il saluto del parroco del crocefisso don Marco Scordo, la relazione per il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria di Saverio Sergi, psicologo e giudice onorario del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria, interventi di Maria Grazia Marcianò, psicologa referente area minori Comune di Reggio Calabria, avv. Alessandra Callea della Camera Minorile, Elisa Mottola, psicologa per la rete dei Consultori dell’Asp, le testimonianza di una famiglie adottiva (Suraci Nicolò) e di una famiglie affidataria (Palumbo Cilione), di Gerhard Bantel e Suor Angela Paglione componenti di associazioni e comunità impegnate nella Locride e nella Piana di Gioia Tauro.
A margine dell’incontro sarà fatta comunicazione sull’evento che si svolgerà il 28 marzo a Reggio Calabria su iniziativa del Forum nazionale delle associazioni familiari inserito nella campagna Donàti-Dònati, una festa sull’accoglienza aperta a famiglie ed associazioni che si terrà nella stessa data in tutte le regioni. Con interventi di Lucia Nucera, Assessore alle politiche sociali comune di Reggio Calabria, Aldo Riso, referente Forum famiglie di Reggio Calabria. Il garante per l’infanzia della Città Metropolitana Emmanuele Mattia infine presenterà una iniziativa del suo ufficio in grado di offrire una prima risposta sul piano istituzionale alle richieste che emergeranno in grado di dare anche continuità all’iniziativa.







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto