Il banchiere calabrese che ridisegna la geografia della finanza italiana

La “scalata” di Intesa a Ubi Banca e il ruolo di Francesco Canzonieri. Nato a Reggio Calabria, dopo le esperienze a Londra è entrato in Mediobanca. Per lui i ringraziamenti pubblici di Messina, ceo di Intesa

La geografia del potere della finanza italiana sta cambiando. Con Intesa Sanpaolo che punta a conquistare Ubi Banca (qui i dettagli della proposta), i rapporti di forza sono destinati a mutare profondamente. Dietro questa mutazione c’è (anche) il lavoro di un banchiere calabrese. Giovane e molto stimato, Francesco Canzonieri è uno dei manager chiave nell’accordo che ha causato un terremoto nel mondo della finanza italiana. Nato 41 anni fa, Canzonieri lavora per Mediobanca, partner di Intesa nel tentativo di scalata. E proprio da Carlo Messina, leader del gruppo che tenta l’acquisizione, Canzonieri è stato ringraziato pubblicamente nei giorni scorsi.
«Negli ultimi anni – racconta Milano Finanza – la rivalità del passato (tra Intesa e Mediobanca, ndr) si è trasformata in una fruttuosa collaborazione, complice l’avvicinamento dei rispettivi ceo». Il legame è incarnato proprio da Francesco Canzonieri, che ha lavorato a quasi tutte le operazioni straordinarie di Intesa Sanpaolo. Il banker di origini reggine si è laureato in Economia e Finanza alla Bocconi di Milano per poi iniziare la carriera a Londra. Tre anni in Goldman Sachs, poi dieci anni a Barclays. Mediobanca lo ha assunto nel 2014. In Piazzetta Cuccia il banker ha bruciato le tappe fino a diventare global co-head of Cib e country head per l’Italia. «Dalla sua scrivania – è sempre il profilo che ne traccia il quotidiano economico – sono passate alcune delle operazioni principali a cui Mediobanca ha lavorato in questi ultimi anni, a partire proprio dai deal con Intesa Sanpaolo». Ultima arrivata l’ops su Ubi Banca. Proprio martedì 18 Messina ha voluto ringraziarlo per il ruolo giocato nel deal con Ubi: «Se mi chiedete se è meglio Banca Imi di Mediobanca non ho dubbi, meglio Imi, ma ho stima della persona Canzonieri», ha tagliato corto il ceo di Intesa. I quotidiani economici lo descrivono come un manager dal temperamento “focoso” (il Sole 24 Ore avanza un paragone con Rino Gattuso), poco avvezzo alle trattative “cardinalizia” che caratterizzano i big del settore: «Modi spicci, poco spazio alle formalità e alla diplomazia, orari di lavoro imprevedibili».

I NUMERI DELL’ACCORDO Per tornare alla scalata, il Sole 24 Ore, spiega che Intesa Sanpaolo offrirà 17 azioni del nuovo gruppo ogni 10 azioni di Ubi, valorizzando quest’ultima 4,9 miliardi: la cifra corrisponde a un premio del 28% sui valori di venerdì 14 febbraio, prima del balzo con cui Piazza Affari ha salutato il piano di Victor Massiah. Secondo quanto si è appreso, la scelta di Messina e del cda di Intesa è caduta su Ubi, una delle banche più prossime al colosso milanese, non solo per l’affinità identitaria ma anche per la qualità della gestione e l’attenzione per i temi della sostenibilità.

IL SETTIMO GRUPPO D’EUROPA L’operazione, nei piani, dovrebbe consentire di creare il settimo gruppo bancario in Europa per attivi, in grado di realizzare utili consolidati stimati a oltre 6 miliardi nel 2022. Previste sinergie derivanti dall’aggregazione e stimate a regime in circa 730 milioni ante imposte per anno, con costi di integrazione una tantum stimati complessivamente in 1,27 miliardi.

 







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto