La Calabria ricorderà a San Luca Giovanni Falcone

La presidente Santelli e la giunta si ritroveranno nella piazza principale. Drappo bianco a Palazzo Campanella nel 28° della strage di Capaci. L’assessorato all’istruzione in streaming dall’osservatorio astronomico puntando lo sguardo al cielo di Pitagora

REGGIO CALABRIA «Domani le massime autorità istituzionali della Regione saranno a San Luca per celebrare il 28esimo anniversario della morte di Giovanni Falcone, della moglie e dei tre agenti di scorta, ma anche per testimoniare la voglia di riscatto e di rinascita della Calabria». Lo afferma il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli.
La commemorazione si svolgerà, alle ore 11, nella piazza principale di San Luca. All’evento parteciperà l’intera giunta regionale, oltre a vari esponenti, di tutti gli schieramenti politici, del consiglio regionale della Calabria e del Parlamento. Saranno presenti anche rappresentanti delle Prefetture e dei Comuni.
«Il ricordo della strage di Capaci e il sacrificio di Falcone, della moglie, Francesca Morvillo, e degli uomini della scorta – spiega Santelli – devono continuare a rimanere impressi nella memoria di tutto il Paese e, soprattutto, di quelle comunità che hanno conosciuto il potere e la sopraffazione della mafia. San Luca, per troppo tempo, è stato il paese simbolo della ‘ndrangheta, di una Calabria finita sotto il giogo della più grande e potente holding criminale del mondo. San Luca e tutti i suoi cittadini perbene hanno però già ribadito da tempo da che parte vogliono stare: quella dello Stato, delle istituzioni democratiche, della legalità».
«San Luca, oggi – dice ancora la governatrice –, è l’emblema di una Calabria che sogna e insegue con determinazione e coraggio il suo riscatto. L’elezione di un nuovo consiglio comunale, avvenuta lo scorso anno dopo un lungo periodo di commissariamenti, è un segno tangibile di questo graduale e costante processo di crescita sociale e istituzionale, rispetto al quale sento di ringraziare il sindaco Bruno Bartolo e Klaus Davi, la cui passione democratica ha consentito al Comune di San Luca di tornare alla normalità».
«Sono dunque tanti i motivi per cui è importante ricordare la strage di Capaci a San Luca. Da questo luogo simbolo – conclude Santelli – verrà ribadito, ancora una volta e al di là dei diversi schieramenti politici, che i calabresi e i cittadini del Sud sono e saranno sempre al fianco degli uomini come Falcone, dalla parte dello Stato».
DRAPPO BIANCO A PALAZZO CAMPANELLA Sempre domani alla facciata di Palazzo Campanella, sede del Consiglio regionale della Calabria, in occasione del 28mo anniversario della strage di Capaci, sarà esposto un drappo bianco. «Ricorderemo così – sostiene il presidente Domenico Tallini – in questa fase di emergenza che non consente di svolgere manifestazioni con la partecipazione dei cittadini e delle Istituzioni ed accogliendo l’invito rivolto a tutte le Assemblee legislative regionali da Maria Falcone, il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro». Aggiunge il presidente Tallini: «E’ un gesto simbolico che ci consente di tenere vivo il ricordo di quei terribili momenti e di riflettere sulla necessità di contrapporci, ognuno per la propria parte e con ogni mezzo e strumento, alla criminalità organizzata».
IL CIELO DI PITAGORA Anche l’Assessorato all’istruzione, università e ricerca della Regione Calabria, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale e le Consulte studentesche ricorderanno il 28° anniversario della strage di Capaci. L’evento verrà trasmesso in streaming, domani 23 maggio alle ore 17, con l’intervento dell’assessore regionale all’istruzione Sandra Savaglio. Nel giorno in cui tutta Italia ricorda Giovanni Falcone, la sua scorta e sua moglie, Francesca Morvillo, la Regione affronterà il tema “puntando lo sguardo al cielo attraverso il pensiero di Pitagora”, perché Falcone è una delle vittime del grande male, del disordine etico a cui il mondo assiste attraverso la deriva delle mafie. Dalla Calabria, a difesa dell’ordine universale, si eleva la voce di Pitagora. Lui, da matematico aveva esplorato in profondità le cause del male sociale. I suoi cinque principi etici servivano a combatterlo e ad indicare la strada della convivenza universale.
Insieme all’assessore Savaglio parteciperanno all’iniziativa la coordinatrice regionale Consulte studentesche Franca Falduto, il presidente regionale Consulte studentesche Giovanni Carè. In programma anche una conversazione con Salvatore Mongiardo della “Nuova Scola Pitagorica”. Alle re 17,58, nell’ora dell’esplosione della strage, sarà condiviso un minuto di silenzio. Alle ore 21:00 l’assessore Savaglio, in collegamento insieme ad Antonino Brosio, responsabile dell’Osservatorio astronomico Luigi Lilio di Savelli (KR), guiderà gli spettatori nell’osservazione degli oggetti celesti in streaming. Un collegamento interattivo che permetterà a tutte le persone collegate di osservare gli astri in tempo reale.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto