Reggina promossa in Serie B, inizia la festa. Gallo: «Sono felicissimo» – VIDEO

Il consiglio federale conclude e certifica la lunga cavalcata degli “Incredibles” che meritano la vittoria sul campo dopo 21 vittorie, sei pareggi e solo 3 sconfitte. Degli amaranto il miglior attacco e la miglior difesa del campionato. Le reazioni della politica

The IncrediBles. Così il sito ufficiale incorona la Reggina che approda in Serie B. Una risalita, quella degli amaranto seppur sancita dal Consiglio federale, strameritata sul campo, sui quali ha ottenuto 21 vittorie, 6 pareggi, 3 sconfitte nelle 30 partite disputate prima dello stop. La Reggina ha certificato, peraltro, il suo cammino mettendo a segno 54 reti e subendone soltanto 18. Numeri che laureano gli amaranto, impreziositi dalla miglior difesa e dal miglior attacco.
Un lavoro straordinario, dunque, quello imbastito in primis dal presidente Luca Gallo, poi dal direttore sportivo Massimo Taibi ed infine, last but not least, dal tecnico Mimmo Toscano. Doppia o tripla la sua soddisfazione da reggino, da ex calciatore e ora da tecnico.
Reggio, insomma, sta impazzendo di gioia mentre il presidente Gallo lancia messaggi d’amore. «Volevo essere io – dice in un video pubblicato sul sito della Reggina – il primo a dare questa notizia e alla città di Reggio e come avevo predetto, la Reggina l’anno prossimo giocherà di sabato. La stagione 2020-21 la giocherà in Serie B. Abbiamo vinto il campionato. Questo dovevo e sono felicissimo di comunicarlo. Chiudo dicendo a tutti quanti, forza Reggina sempre».
Dalla Regione, intanto, l’assessore alle Infrastrutture e ai Lavori Pubblici, Domenica Catalfamo, si congratula con tutto il gruppo.
«È fatta. Dopo una lunga, esaltante cavalcata la Reggina – recita una nota a firma della Catalfamo – la nostra Reggina, è tornata in B, il secondo campionato professionistico di calcio più importante d’Italia. Le premesse erano nell’aria già la scorsa estate quando si sono gettate le basi di una società, rilevata pochi mesi prima dal Presidente Luca Gallo, solida, organizzata, con adeguate risorse economiche e la scelta di un allenatore serio e preparato come Mimmo Toscano, un reggino doc, uno di “noi”, che ha costruito una rosa affidabile e competitiva insieme al Ds Massimo Taibi».
«La partenza-sprint – prosegue l’assessore Catalfamo – e i tanti punti di vantaggio accumulati in poche settimane avevano comunque sorpreso tutti, sostenitori ed avversari ma l’alto livello della competizione che presentava al via squadre di grande tradizione, induceva a tenere desta la soglia d’attenzione. É arrivato anche un momento di flessione che in un torneo lungo e logorante è facile accada, ma i ragazzi sono stati bravi a gestirlo e superarlo. Alla fine, si sa, i numeri non mentono: 21 vittorie su 30 partite disputate, 59 reti segnate e 19 subite, miglior attacco e miglior difesa del girone la dicono lunga su chi è stata la squadra più forte».
«Il campionato purtroppo è stato interrotto bruscamente – ricorda poi l’assessore Catalfamo, reggina doc – e questo ha tolto alla squadra ed ai tifosi la soddisfazione di procedere con la propria cavalcata vincente continuando a dimostrare in campo i propri evidenti meriti. Oggi tutto si è concluso con il dovuto riconoscimento: la Reggina finalmente di nuovo in serie B. A tutto lo staff va il plauso e il ringraziamento della città, della Provincia e di tutta la Regione perché una presenza in più nel calcio che conta è un vanto per tutto il nostro territorio. L’importante ora è mantenere il livello d’eccellenza raggiunto e se possibile migliorarlo… continuiamo a sognare… Lo meritano i tifosi, lo merita la squadra, lo meritano Reggio e la Calabria intera».
The incrediBles, gli incredibili sono i portieri Enrico Guarna, Alessandro Farroni e Emanuele Geria, dei difensori Davide Bertoncini, Edoardo Blondett, Nicolas Bresciani, Desiderio Garufo, Daniele Gasparetto, Daniele Liotti, Giuseppe Lioacono, Paolo Marchi, Gabriele Rolando, Marco Rossi e Matteo Rubin; dei centrocampisti Nicolò Bianchi, Alberto De Francesco, Francesco De Rose, Hachim Mastour, Matti Lud Nielse, Lorenzo Paolucci, Rigoberto Rivas, Dimitrios Sounas; degli attaccanti, Nicola Bellomo, Abdou Doumbia, Manuel Sarao, Reginaldo Ferreira Da Silva, Simone Corazza e German Gustavo Denis. La Reggina è in Serie B grazie, soprattutto, a loro. A Reggio, intanto, inizia la festa e piazza Duomo veste l’amaranto.

«UNA FESTA PER TUTTI GLI SPORTIVI CALABRESI» La promozione della Reggina, intanto, ha prodotto tutta una serie di reazioni anche dal mondo della politica.
«La promozione in serie B della Reggina non può che riempire di gioia tutti gli sportivi calabresi. La società amaranto aveva già conquistato sul campo, con il massimo del merito, il ritorno tra i cadetti». È quanto asserisce il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini, che aggiunge: «La decisione del Consiglio Federale ha solo sancito una vittoria che la Reggina aveva acquisito durante il campionato. Faccio i migliori auguri al presidente Luca Gallo che è riuscito a fare tornare l’entusiasmo in riva allo Stretto, riportando la gloriosa società amaranto nel calcio che conta. La Reggina farà bene anche in B, non ho dubbi, poiché è trascinata dalla passione delle sue migliaia di tifosi. Lo stesso augurio lo faccio, con il cuore, al Catanzaro, al Crotone, al Cosenza, alla Vibonese e a tutti i club calcistici che portano i colori delle nostre città. Dal calcio arriva una bella notizia e sono certo che proprio il calcio riporterà la gioia ai calabresi dopo il terribile periodo dell’emergenza sanitaria. In bocca al lupo, Reggina».
«PRONTI PER IL RITORNO IN A» Anche il senatore reggino Marco Siclari si congratula con il gruppo amaranto. «Quando ho accolto a Reggio Calabria l’imprenditore Luca Gallo ho capito da subito che avrebbe aiutato la Reggina e la nostra città. Così è stato», dichiara Siclari, in festa insieme a tutta la città per una promozione che «rappresenta per Reggio Calabria un punto di ripartenza importante».
«Siamo pronti per la Serie A. Un plauso a tutto lo staff, ai calciatori ed un abbraccio ai tifosi ed i reggini che hanno giocato ogni partita mettendo il cuore e la fede amaranto. Ho appena sentito il presidente felicissimo per la città in festa. Proprio per questo non posso che dire grazie a Luca che da imprenditore ha investito e creduto nelle potenzialità delle nostre città», ha concluso il senatore azzurro.
«DOPPIA FESTA CON LA VIOLA IN B» «Nella storia di Reggio – ha affermato il consigliere regionale reggino Nicola Irto (Pd) – il raggiungimento di grandi traguardi sportivi è coinciso con un risveglio dello spirito di comunità e dell’orgoglio di appartenenza alla città. Anche per questo esultiamo per la promozione in serie B della Reggina che suggella un campionato entusiasmante condotto dalla squadra guidata da mister Mimmo Toscano».
«Dopo una fase buia per lo sport cittadino – ha proseguito Irto – il salto di categoria degli amaranto, preceduto di pochi giorni dall’altrettanto significativo ritorno della Viola nella serie B di basket, consente agli sportivi reggini di gioire per un traguardo a lungo desiderato e conquistato con merito al termine di una vera e propria cavalcata trionfale. È un peccato che il gusto di questi successi non possa essere assaporato fino in fondo a causa delle esigenze di distanziamento fisico dovute alla pandemia di Covid-19. Ciò non modifica però la soddisfazione per tutta la nostra comunità che adesso deve centrare nuovi e prestigiosi obiettivi, dentro e fuori dai terreni di gioco, con una costante attenzione all’universo dello sport dilettantistico che, più di quello professionistico, assolve a una preziosa e irrinunciabile funzione sociale». (lu.la.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto