Rogo di cassonetti al cimitero di Reggio Calabria

Il fuoco ha danneggiato anche diverse lapidi nel cimitero monumentale di Condera. Il consigliere delegato Albanese e il sindaco Falcomatà: «Forse a qualcuno dà fastidi il ripristinato clima di legalità»

REGGIO CALABRIA «Un gesto indegno e inqualificabile»: così il consigliere comunale delegato ai cimiteri Rocco Albanese commenta il rogo doloso di cinque cassonetti all’interno del cimitero monumentale di Condera – tutti a distanza l’uno dall’altro: le fiamme non si sono dunque propagate da un contenitore all’altro, ma sono state appiccate deliberatamente in più punti, in modo reiterato – perpetrato ieri pomeriggio, quando la struttura era ancora aperta al pubblico.
Il fuoco purtroppo ha avuto “vita facile”: pur essendo rigorosamente rispettata l’igiene all’interno del sito cimiteriale, da circa un mese a causa della nota emergenza-rifiuti anche i cassonetti posti dentro e fuori i cimiteri cittadini traboccano di scarti, a dispetto della raccolta differenziata già avviata anche nei vari cimiteri di Reggio Calabria.
Danneggiati pure i muri di alcuni lotti e diverse lapidi. Nessuno invece si sarebbe accorto di nulla, né sarebbero stati in alcun modo avvistati o identificati gli ignoti piromani.
«Non siamo davanti a un pur volgare episodio di teppismo: è stato perpetrato un atto squallido, premeditato, assolutamente indegno di un luogo civile e dalle oscure finalità – lamentano il sindaco Giuseppe Falcomatà e lo stesso consigliere delegato Albanese –. Forse a qualcuno dà fastidio il ripristinato clima di legalità, che il Comune abbia assegnato in esclusiva alla società in house Castore operazioni come la tumulazione e l’estumulazione e che la costruzione delle cappelle all’interno dei cimiteri sia ormai consentita solo a una cinquantina d’aziende, tutte ben identificate e incluse in white list, con tassativo divieto di subappalto».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto