‘Ndrangheta, condannato per estorsione a imprenditore

Inflitti 23 anni di reclusione a Domenico Crea, vittima l’imprenditore De Masi costretto a consegnare alla cosca trattori e macchine agricole per un valore di 180 mila euro

REGGIO CALABRIA Il presunto boss della ‘ndrangheta, Domenico Crea, di Rizziconi, è stato condannato a 23 anni di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso e per estorsione. Al termine del processo, celebrato con il rito abbreviato, il gup ha accolto la richiesta di condanna formulata dalla Dda di Reggio Calabria guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri. Considerato un elemento di spicco della ‘ndrangheta della Piana di Gioia Tauro, Crea è accusato di estorsione ai danni di Nino De Masi, l’imprenditore che da anni vive sotto scorta e che, assistito dall’avvocato Antonio Mazzone, si era costituito parte civile nel processo.
Difeso dagli avvocati Francesco Albanese e Pasquale Loiacono, Crea era accusato di avere costretto De Masi a consegnare alla cosca trattori e macchine per l’agricoltura, ma anche altri attrezzi e materiale vario. Il tutto, stando alla ricostruzione della Procura, senza mai pagare la merce, il cui valore ammontava a oltre 180 mila euro. Per lo stesso reato erano stati condannati anche il padre e il fratello di Domenico Crea, Teodoro e Giuseppe. Nei loro confronti la Corte d’Appello di Reggio Calabria, nel giugno del 2019, aveva confermato la condanna rispettivamente di 12 e 8 anni di carcere. Domenico Crea non era stato processato insieme ai due congiunti perché é rimasto latitante fino al 2 agosto del 2019, giorno in cui è stato arrestato dalla polizia a Santa Domenica di Ricadi (Vibo Valentia).





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto