Bombardieri: «I legali strumentalizzano le mie parole»

Il procuratore capo di Reggio Calabria replica alla lettera delle Camere penali di Catanzaro e Vibo Valentia che hanno denunciato una lesione del diritto di difesa nel processo “Rinascita-Scott”: «C’è un evidente attacco alla magistratura catanzarese. Io rispetto il lavoro di Gratteri e dei colleghi»

REGGIO CALABRIA «In un documento delle Camere Penali di Catanzaro e Vibo Valentia è stata strumentalmente accostata alle vicende del processo “Rinascita-Scott”, in corso di svolgimento a Roma ed ai fini di un evidente attacco alla magistratura catanzarese, requirente e giudicante, una mia dichiarazione in ordine al generale diritto di difesa di cui tutti devono godere e riferita, in realtà, ai gravissimi attacchi social, con minacce ed ingiurie, ad alcuni difensori di indagati per gravissimi fatti di sangue». È quanto afferma il procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri rispondendo alla lettera delle Camere penali di Catanzaro e Vibo Valentia che nel pomeriggio hanno denunciato una lesione del diritto di difesa nel processo “Rinascita-Scott”.
In particolare le camere penali hanno scritto: «E mentre a Roma si dava avvio alla celebrazione del “processo del secolo”, con tutte le criticità evidenziate, non poteva registrarsi miglior vento contrario di quello che è soffiato dalla punta dello Stivale. Il riferimento è all’intervista rilasciata dal Procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri, il quale, ha ribadito con forza che ‘la professione del difensore è nobile ed indispensabile in un sistema democratico. Tutti hanno diritto ad essere difesi nel miglior modo possibile. L’avvocato non può essere attaccato perché fa il suo lavoro. Qualsiasi indagato o imputato ha diritto ad essere assistito in maniera adeguata…’. A Roma, per Rinascita-Scott, vale la stessa cosa?».
La maxi-inchiesta contro le cosche di Vibo Valentia e contro i colletti bianchi porta anche la firma di Bombardieri, in servizio a Catanzaro durante la prima fase delle indagini.
«È evidente – afferma il procuratore di Reggio Calabria – che tale accostamento è assolutamente fuori luogo e fuorviante, attesa la serietà e lo scrupolo del faticoso lavoro del procuratore Nicola Gratteri e dei colleghi della Procura di Catanzaro impegnati nel processo, nonché del Giudice che svolge con particolare impegno e dedizione, evidentemente nel rispetto delle garanzie di tutti, il proprio lavoro nella direzione di quello stesso processo».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto