Sta meglio la tartaruga ferita da un amo e curata a Brancaleone

I volontari del Centro di recupero: «Cecilia ci ha fatti disperare per un mese, ma adesso ha iniziato a mangiare da sola» – VIDEO

BRANCALEONE «Ci ha fatti disperare per oltre un mese, siamo dovuti ricorrere all’alimentazione forzata con sondino per non farla debilitare troppo, ma adesso finalmente Cecilia ha iniziato a mangiare da sola». I volontari del Centro recupero tartarughe marine di Brancaleone gioiscono dopo tanta preoccupazione per una delle loro pazienti più gravi, Cecilia, una piccola Caretta caretta del peso di appena 3 kg (circa 2 anni di età) che ha abboccato a un amo gigantesco (foto in basso Rx) ed è arrivata nel Centro il 7 settembre per essere curata.
L’amo (destinato alla pesca di tonno e pesce spada) le aveva perforato lingua, palato inferiore e parte dell’esofago. Cecilia è stata operata, curata e ora sta meglio, come potete vedere nel video sotto.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto