Covid, la pandemia cresce nel Reggino: +65 casi. La situazione nei “focolai” della Piana

Diciotto casi totali a Palmi, 3 nuovi a Taurianova e 3 a Rosarno dove il sindaco chiude il cimitero. Positivi anche a San Giorgio Morgeto. A Bagaladi tutti negativi gli ospiti dello Sprar

tamponi coronavirus Calabria

REGGIO CALABRIA La pandemia fa breccia in Calabria e nella provincia di Reggio. I numeri del contagio continuano a salire e oggi la provincia reggina fa registrare un +65 che contribuisce a raggiungere l’incremento di +187 in tutta la regione.
PALMI A Palmi sono 18 i casi totali. Si tratta di soggetti posti immediatamente in isolamento domiciliare e di cui è stata ricostruita la rete dei contatti. «Viviamo momenti di grande preoccupazione – si legge in una nota del Comune – e invitiamo tutti, ora più che mai, a rispettare tutte le norme anticontagio. È importante non abbassare la guardia per non ripiombare in una situazione critica: proteggiamoci e proteggiamo gli altri».
TAURIANOVA Tre i nuovi casi a Taurianova dove il neo sindaco Rocco Biasi, ricevuta comunicazione dalle Autorità sanitarie, avvisa che purtroppo la lista dei concittadini positivi al Covid-19 conta ulteriori tre nuovi casi, due dei quali appartenenti allo stesso nucleo familiare e già sottoposti a regime di quarantena. Il Comune rassicura che, come da protocollo di sicurezza, è già stata ricostruita la catena dei contatti e che tutti gli interessati sono stati prontamente contattati ed avvisati dalle Forze dell’Ordine.
Anche da Taurianova si richiama l’attenzione della popolazione, anche in questa ulteriore occasione, sull’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione, sull’osservanza delle corrette norme di igiene e sul rispetto del distanziamento interpersonale, unici rimedi efficaci ed attualmente conosciuti per contrastare il diffondersi del Coronavirus Covid-19.
ROSARNO Altri tre nuovi casi anche a Rosarno. «Nostro malgrado – afferma il sindaco Giuseppe Idà – continua a salire il numero di persone positive al Covid-19 nella nostra Città. Oggi ci sono stati comunicati altri 3 nuovi casi che si aggiungono ai nostri concittadini che sono già in regime di isolamento contumaciale. L’ASP sta cercando, di volta in volta, di ricostruire la linea di contatti tenuti da ogni contagiato in modo da poter programmare l’attività di screening che verrà effettuata nei giorni a seguire».
«Come vi ho già comunicato – aggiunge il sindaco di Rosarno – la situazione si complica e sarà molto difficile da gestire: ormai il virus si è insinuato nella nostra comunità e solamente limitando allo stretto necessario le relazioni sociali e gli spostamenti sarà possibile contrastarne l’avanzata.
Noi continuiamo a monitorare la situazione in maniera costante, e adotteremo ogni misura che si riterrà necessaria per limitare al minimo la diffusione dell’epidemia, ivi compresa quella di elevare sanzioni salatissime nei confronti di chi ancora si ostina a non rispettare le regole».
CHIUSO IL CIMITERO Oggi è stata pubblicata l’ordinanza di chiusura cautelativa del cimitero comunale dal 29 Ottobre al 9 Novembre. «È stata una decisione difficile – spiega il primo cittadino di Rosarno – perché sappiamo quanto la nostra comunità sia legata alle ricorrenze del 1° e del 2 Novembre, ma non possiamo permetterci di rischiare nulla e vi chiediamo di comprendere che ogni decisione viene presa esclusivamente nell’interesse della cittadinanza ed a tutela della salute pubblica. Alziamo il livello di allerta, proteggiamoci e proteggiamo i nostri cari utilizzando sempre la mascherina ed evitando di affollare bar, supermercati ed esercizi commerciali».
SAN GIORGIO MORGETO Il virus non disdegna neanche i piccoli centri e così anche a San Giorgio Morgeto sono stati rilevati dei casi di positivi al Covid-19. «Vi invitiamo a stare calmi – si legge nella nota del Comune – perché, unitamente ai carabinieri ed ai medici di base, stiamo costantemente seguendo l’evolversi della situazione. Invitiamo le famiglie dei ragazzi che frequentano la 1 C del liceo scientifico di Cittanova di contattare il proprio medico curante al fine di predisporre gli opportuni controlli considerato che in quella scuola e classe è stata riscontrata qualche criticità. Le persone positive stanno bene e sono già in isolamento domiciliare così come disposto dalla legge. Vi raccomandiamo di utilizzare sempre e comunque le mascherine e di lavarvi spesso le mani evitando qualsiasi tipo di assembramento anche familiare. Nel caso in cui avvertite dei sintomi simili al raffreddore non uscite e contattate immediatamente il vostro medico di famiglia».
BAGNARA CALABRA Dieci i soggetti attualmente positivi a Bagnara Calabra, dove le persone sottoposte a isolamento domiciliare (al netto dei provvedimenti scaduti o revocati) sono 42.
VILLA SAN GIOVANNI Altri due casi di Covid-19 accertati. Si tratta di due pazienti che erano ricoverati nella clinica Nova Salus, non residenti a Villa. Le condizioni cliniche e generali sono stabili. Sono stati trasferiti nel reparto covid di Reggio per monitorarne al meglio le condizioni di salute. I primi due pazienti positivi sono guariti e rientrati nei luoghi di residenza.
Con questi ulteriori casi, il conteggio sale a 14 in questa seconda fase. Di tutti i positivi al momento non si segnalano situazioni cliniche critiche.
BAGALADI Una buona notizia, almeno, giunge sul versante jonico da Bagaladi, dove i quattro ospiti del progetto Sprar del Comune di Bagaladi hanno effettuato i test diagnostici per Covid-19 e risultano attualmente negativi. (f. p.)





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto