Fucile ad aria compressa modificato, un arresto nella Locride

La molla dell’arma era in grado di esprimere una potenza al di sopra del limite i 20 joule previsti dalla legge: il trentunenne era stato già arrestato a ottobre per possesso di sostanza stupefacente

PLACANICA I Carabinieri della Compagnia di Roccella Jonica assieme ai Cacciatori di Calabria hanno arrestato Cosimo Panetta, trentunenne, disoccupato di Placanica con l’accusa di detenzione di arma clandestina. Nel corso dei servizi perlustrativi rivolti alle aree rurali del territorio, nella mattinata di ieri i Carabinieri hanno eseguito alcune perquisizioni finalizzate alla ricerca di armi e droga nelle campagne di Titi, impervia frazione di Placanica (RC). Nell’ambito dei controlli i militari hanno rinvenuto all’interno della camera da letto dell’uomo un fucile ad aria compressa cal. 4,5 che opportunamente sottoposto ad accertamenti balistici è risultato modificato, infatti la molla al suo interno era capace di esprimere una potenza ben al di sopra del limite previsto dalla legge, pari circa a 20 joule. Il fucile, considerato una vera e propria arma clandestina, è stato sottoposto a sequestro. Il giovane già noto ai carabinieri che lo avevano arrestato nell’ottobre scorso, quando fu trovato in possesso di un ingente quantitativo di sostanza stupefacente, è stato condotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto