Turista calabrese salvata dal soccorso alpino nella riserva dello Zingaro

La donna, 57enne originaria di Polistena, si era fratturata una caviglia scivolando sul sentiero nel territorio del Palermitano

PALERMO Primo intervento della stagione da parte del Soccorso alpino e speleologico siciliano nella riserva dello Zingaro, in sinergia con l’Aeronautica militare. Nel primo pomeriggio i tecnici del Sass sono intervenuti a cala Beretta per prelevare una turista di 57 anni originaria di Polistena (Reggio Calabria) che si era procurata una sospetta frattura della caviglia sinistra scivolando sul sentiero. Scattato l’allarme alle 13,30, in pochi minuti sono partite due squadre della stazione Palermo-Madonie: mentre una si e’ avviata via terra dall’ingresso lato Scopello, due tecnici di elisoccorso si sono imbarcati al campo sportivo di Castellamare del golfo su un elicottero HH 139 dell’82esimo centro Csar decollato dall’aeroporto di Trapani-Birgi. Il velivolo ha calato sul luogo dell’incidente un tecnico con il verricello. La donna e’ stata immobilzzata, imbracata col triangolo di evacuazione e issata sull’elicottero che l’ha poi sbarcata sul campo sportivo dove ad attenderla c’era un’autombulanza del 118. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Alcamo. Lo scorso anno il Soccorso Alpino aveva portato a termine nove interventi in virtu’ della convenzione stipulata nel 2016 fa con 118, Vigili del fuoco, Capitaneria di Porto e Riserva, alcuni dei quali in sinergia con l’Aeronautica militare.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto