Da Polistena il progetto per inserire le scuole nella lotta contro la ‘ndrangheta

Il ministro Lorenzo Fioramonti ed il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra saranno a Polistena per il progetto “Dalla ‘ndrangheta ai ragazzi”. «Le mafie si sconfiggono solo se davvero tutti iniziano a pensare e ad agire in maniera rispettosa della legalità»

POLISTENA Giovedì 14 novembre alle ore 10 al centro polifunzionale “Don Pino Puglisi” di Polistena (RC), si terrà un incontro degli studenti delle scuole del territorio con – tra gli altri – il Ministro dell’istruzione Lorenzo Fioramonti e il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia Nicola Morra. L’evento prende il nome “Dalla ‘ndrangheta ai ragazzi” e si svolgerà all’interno di un edificio concesso dal Comune di Polistena a una cooperativa che gestisce nella Piana di Gioia Tauro oltre 100 ettari di terreni, confiscati alle più potenti famiglie della ‘ndrangheta calabrese. L’appuntamento è stato rilanciato anche dal “Blog delle stelle” che definisce l’incontro «una rivoluzione culturale, un nuovo modello di cittadinanza». Questo perché «anche le scuole inizieranno a collaborare con le associazioni e le cooperative che operano all’interno dei beni confiscati alle mafie – è riportato sul blog dei pentastellati -». Il programma della giornata, organizzata nell’ambito del Progetto “A’ndrangheta” promosso dalla Questura di Reggio Calabria, prevede un confronto con i ragazzi sull’utilizzo dei beni confiscati e sull’esperienza già in atto dell’alternanza scuola-lavoro.  «Il Ministero dell’istruzione e la Commissione Antimafia stanno lavorando a un Protocollo per realizzare nuove forme di partecipazione e interdipendenza tra mondo dell’associazionismo, della scuola e del lavoro. Si inizierà dalla Calabria giovedì 14 novembre con Lorenzo Fioramonti e Nicola Morra saranno a Polistena. «In questa Regione ancora di più –  dicono i due – va rimarcato il profondo valore simbolico dei beni sottratti alla ‘ndrangheta e alla malavita. Si tratta del nostro patrimonio comune, che tornando nelle disponibilità locali viene finalmente gestito nel rispetto delle regole e restituito ai cittadini. Vogliamo mandare un messaggio forte al resto del Paese: le mafie si sconfiggono solo se davvero tutti iniziano a pensare e ad agire in maniera rispettosa della legalità. Il Miur e la Commissione Antimafia hanno deciso di lavorare insieme per inserire la scuola nell’avanguardia della lotta alla criminalità organizzata e offrire così un nuovo modello di cittadinanza.Proveremo a realizzare esperienze di alternanza scuola-lavoro non soltanto in aziende votate al profitto, ma anche nelle realtà cooperative che lavorano nel sociale e che ogni giorno si fanno carico di grandi responsabilità».

Voglio annunciarvi un evento importante!Domani 14 novembre saremo a Polistena in Calabria per presentare un PROTOCOLLO…

Pubblicato da Nicola Morra su Mercoledì 13 novembre 2019







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto