Il loft di Amazon a Milano? Progettato da un architetto calabrese

Luigi Bartone, originario di Soriano, e il suo Mosaico Studio lavorano da anni in collaborazione con brand di livello internazionale. Trentamila visitatori in tre giorni. E i mostaccioli in bella vista nell’area living

Luigi Bartone è un giovane architetto calabrese, titolare dello studio che ha progettato e realizzato il primo pop up store italiano di Amazon. Dal 16 al 26 novembre 2018 in via Dante 14 a Milano. Un loft di 500 metri quadri dove sarà possibile toccare per la prima volta, prodotti e brand di solito presenti solo online.
Una vera e propria casa del brand, non un semplice store temporaneo, per il Black Friday e il Natale.
Luigi Bartone si è distinto in questi anni a Roma e poi a Milano per il suo spirito creativo e geniale nelle forme di espressione e comunicazione molto immediate e innovative. Con la sua società, la Mosaico Studio, in pochi anni si è affermato e ha ottenuto notevole successo a livello nazionale e internazionale.
Bartone è un ragazzo di Soriano Calabro, cresciuto all’ombra del convento di San Domenico, e da qui nasce la passione per l’architettura. Si trasferisce a Roma appena maggiorenne per studiare Architettura a “La Sapienza”.
In quegli anni ha organizzato con alcuni amici il primo workshop internazionale “Roma città eterna/città sostenibile” per studenti italiani e americani. Hanno partecipato all’evento James Wines, un famoso architetto decostruttivista americano, Patrick Schumacher, famoso architetto tedesco primo collaboratore di Zaha Hadid fondatore del parametricismo. In questo evento il giovane architetto ha modo di comprendere quanto sia importante fondere l’architettura con la comunicazione, e inizia così a immaginare alla comunicazione come una forma di architettura dinamica e all’architettura con una forma di comunicazione statica.
Nel 2005 fonda con altri amici dell’università Mosaico Studio, una società di ingegneria che abbraccia i temi dell’architettura e della comunicazione. Oggi la società ha due uffici a Roma e a Milano.
In questi anni Bartone e soci hanno lavorato per importanti brand italiani e internazionali, tra cui: Amazon, Mattel, Scania, Intesa San Paolo, Ferrarelle, Kimbo, VR46 di Valentino Rossi, Unhcr, Commissione Europea – Rappresentanza in Italia, BEI Institute. Per loro promuovono brand e prodotti con progetti “sartoriali”. Seguono il progetto sin dalla sua ideazione, ne curano la progettazione (concept creativo), la pianificazione e la gestione di tutte le azioni in tutte le fasi di realizzazione.
L’ultimo in ordine di tempo è, come dicevamo in apertura, il Progetto Amazon, che ha rappresentato una vera e propria rivoluzione, perché è stato studiato un luogo esperienziale nel centro di Milano senza “lasciare spazio” all’acquisto.
Nel loft Amazon è possibile toccare con mano le cose che solitamente si possono vedere solo sul web, nella loro collocazione naturale, la casa, ma senza informazioni da negozio, nemmeno la targhetta del prezzo. Il risultato è stato straordinario, quasi 30.000 visitatori in tre giorni.
Ovviamente, perché il sorianese architetto Bartone si sentisse a casa, ha acquistato su Amazon un pacco di mostaccioli di Soriano e li ha messi in bella vista nell’area living.

Franco Laratta
giornalista







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto