La ‘ndrangheta gioca a poker texano. Blitz in una bisca a Vibo

Carabinieri e Guardia di finanza fanno irruzione in un circolo privato. Denunciate 9 persone. Tra queste anche alcuni giocatori «facoltosi» e un pokerista di fama internazionale. Presenti anche «figure organiche» ai clan della zona

VIBO VALENTIA I militari dell’Arma e della Guardia di finanza di Vibo Valentia, che già tempo seguivano una pista sul gioco d’azzardo, sono riusciti a scoprire una bisca clandestina all’interno di un – apparentemente innocuo – circolo privato del capoluogo di provincia.
L’operazione congiunta dei carabinieri della Compagnia di Vibo e delle fiamme gialle del locale Gruppo ha avuto inizio intorno alle 20 di domenica quando i militari, circondato lo stabile e rese inoffensive le vedette, hanno fatto irruzione nel circolo cogliendo impreparati ed in flagranza i giocatori seduti ai tavoli con ingenti quantitativi di gettoni da gioco innanzi alle loro postazioni.
Il locale è stato sottoposto a sequestro così come diverse migliaia di euro in contanti custodite nella cassa del locale. Il bottino più importante è stato tuttavia l’insieme di manoscritti all’interno dei quali sono stati trovati i nomi dei partecipanti e la quota versata per poter giocare. Il particolare è stato importante perché ha consentito di escludere dall’elenco dei deferiti gli altri associati che erano presenti in quel momento all’interno del circolo.
I denunciati alla Procura di Vibo Valentia sono il legale rappresentante del circolo – giocatore di poker fama internazionale – che è accusato di esercizio aggravato giochi d’azzardo ed altre otto persone definite «facoltose» dagli inquirenti, provenienti anche da fuori provincia, che saranno invece chiamate a rispondere di partecipazione a giochi d’azzardo.
«Nel corso dell’operazione – fanno sapere gli inquirenti – sono stati acquisiti elementi che consentono di comprovare la presenza di figure organiche alla ’ndrangheta. È la prima bisca clandestina moderna, nella quale si pratica anche il cosiddetto poker texano, scoperta nel territorio della provincia di Vibo Valentia».







Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto