Ex Covid a Serra, «perché in ospedale e non nella Rsa di Soriano?»

I consiglieri regionali Tassone e Notarangelo controreplicano al commissario Zuccatelli. «Vogliamo sapere se sono stati fatti i test sierologici. E di chi è la regia di questo dirottamento»

CATANZARO «Stupisce e non poco che ad una interrogazione consiliare presentata da rappresentanti del popolo, eletti grazie al democratico consenso di migliaia di cittadini, risponda con inusuale solerzia il commissario del policlinico Mater Domini che si rende protagonista di strane ingerenze politiche. Solerzia che non abbiamo invece riscontrato nell’individuare una soluzione quando è scoppiato il caso della ‘Domus Aurea’: tutti ricorderanno la lunga attesa dei pazienti ed il sit-in dei sindaci della zona, poi addirittura multati. Una presa in carico doverosa e non una gentile concessione di chi oggi pretende di silenziarci».
I consiglieri regionali Luigi Tassone e Libero Notarangelo controreplicano al commissario Giuseppe Zuccatelli in merito alla vicenda dei pazienti post-Covid considerati guariti e trasferiti all’ospedale di Serra San Bruno e ripropongono gli interrogativi sollevati in precedenza.
«Zuccatelli – spiegano Tassone e Notarangelo – sostiene che questi pazienti siano guariti e non abbiamo bisogno di cure, cosa che noi ci auguriamo, ma nello stesso tempo li trasferisce nel Reparto di Medicina e nel Reparto di Lungodegenza di un ospedale di montagna. Una contraddizione inequivocabile che testimonia quanto fondata sia la nostra interrogazione, a cui deve rispondere la presidente della Regione e non il commissario del policlinico. Interrogazione che abbiamo presentato dopo esserci accuratamente documentati, per come siamo abituati a fare, e non certo, per come vorrebbe sospettosamente far credere Zuccatelli, in maniera estemporanea».
I due esponenti del Pd ribadiscono «il massimo rispetto per gli anziani che hanno dovuto sopportare una lunga sofferenza» e «per medici e operatori sanitari che dimostrano sempre costante e generoso impegno» e ripropongono i dubbi sulla gestione del caso. «Vogliamo sapere – proseguono – se sono stati fatti i test sierologici e quanti tamponi di controllo sono stati effettuati, vogliamo semplicemente sapere senza giri di parole perché si parla di guarigione e poi i pazienti vengono mandati nell’ospedale di Serra e non nella Rsa di Soriano, riconosciuta dal Dg del Dipartimento Tutela della Salute Antonio Belcastro nell’interlocuzione con il commissario dell’Asp di Vibo Valentia Giuseppe Giuliano come l’unica Rsa pubblica nella regione a diretta gestione dell’Asp per la quale sono stati appositamente resi disponibili alcuni Oss e, dunque, destinataria di questi pazienti. Vogliamo sapere perché, con altre parole, il commissario del policlinico dice le stesse cose che diciamo noi ma si pone in tono polemico. Vogliamo sapere – concludono – di chi è stata la regia di questo dirottamento e se tale regia sia di carattere politico o tecnico».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto