L’Anisap sulle barricate: «Scura fa danni ai cittadini»

Le strutture ambulatoriali private si preparano alla manifestazione dell’11 aprile. Macino: «Accade qualcosa di poco chiaro»

LAMEZIA TERME «Gli avversari che abbiamo sono determinati a non cedere. E, in particolare, il commissario al Piano di rientro Massimo Scura insiste in una linea ben precisa, che è quella di distruggere le strutture ambulatoriali private accreditate». Il presidente dell’Anisap, Edoardo Macino (nella foto), raccoglie attorno a sé i propri associati per organizzare la manifestazione prevista per il prossimo 11 aprile. E pensata per rispondere ai decreti firmati da Scura che, secondo le associazioni di categorie «tagliano risorse togliendo prestazioni ai cittadini. E non lo fanno spostando quelle stesse risorse a favore del pubblico. Sta accadendo – spiega Macino – qualcosa di poco chiaro. Scura sposta risorse da privato a privato, dalla specialistica ambulatoriale verso la spedalità privata. E questo produrrà un danno enorme alla sanità calabrese, un danno che si vedrà nei prossimi anni, quando lui non sarà più qui». Le tappe di avvicinamento alla mobilitazione, dopo l’assemblea di giovedì, saranno gli incontri con il governatore Oliverio e i sindacati, previsti per venerdì, mentre restano in campo le denunce per tentata estorsione, abuso e vantaggio patrimoniale a favore di altri privati depositate nelle Procure di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza.





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password