Uno studio sugli effetti delle terapie oncologiche sulla cute

Anche una ricercatrice vibonese nell’equipe di dermatologi dell’Università la Sapienza di Roma che ha realizzato la ricerca

VIBO VALENTIA C’è anche una giovane ricercatrice vibonese nell’equipe di dermatologi dell’Università la Sapienza di Roma che ha condotto uno studio innovativo finalizzato a studiare gli effetti collaterali della terapia oncologica sulla cute e non solo. Il team composto dalla prof.ssa Marta Carlesimo, dal prof. Alfredo Rossi e dalla ricercatrice vibonese Maria Caterina Fortuna ha puntato su un fattore fondamentale e finora trascurato: la sinergia tra specialisti impegnati a portare il paziente fuori dalle “Simplegadi” del cancro. Da qui è nata “La terapia oncologica: i suoi effetti collaterali su cute e annessi. Come gestirli”, un testo pionieristico, accolto positivamente dalla comunità scientifica, ma anche da tanti non addetti ai lavori.
Lungo il difficile percorso della malattia, infatti, «l’impiego di figure professionali con competenze specifiche nella gestione dei pazienti – sostiene Marta Carlesimo – diventa un punto focale per ottenere maggiori benefici attraverso percorsi assistenziali diagnostici-terapeutici che si prendono cura del malato in tutte le fasi della patologia, migliorando la risposta ai trattamenti e favorendo il tempestivo accesso a terapie riabilitative e di supporto per un’efficace gestione del paziente».
Sulla stessa lunghezza Maria Caterina Fortuna, convinta che «la competenza e la sinergia di più specialisti siano requisiti essenziali nella gestione del paziente il quale, a secondo della stato dalla malattia, può essere indirizzato ad un più idoneo approccio terapeutico». In sostanza, la stretta collaborazione tra il dermatologo, l’oncologo, lo psiconcologo, il nutrizionista, l’ematologo, il cardiologo, il neurologo finiscono per creare un “entralcement” professionale che, come dimostrano i risultati già conseguiti, migliora notevolmente la qualità di vita del paziente. Insomma, «un nuovo approccio paziente-centrico – conclude il prof. Alfredo Rossi, docente di Dermatologia alla Sapienza – che ben si collega con la nuova concezione di una medicina personalizzata».





Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password

error: Contenuto protetto